HOME » 60x365 reading challenge » Commenti

Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

2482 Visite, 34 Messaggi
Roberta Vanzan
161 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

Antonia Arslan "La strada di Smirne " un racconto bello e triste, un libro storico che parla del popolo Armeno segnato da un destino avverso, deciso da chi lo definivano una minoranza.

Utente 18230
61 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

Ho scelto "Bambino 44" di Tim Rob Smith. Il libro è ispirato alla vicenda, purtroppo reale, del mostro di Rostov Andreji Cikatilo, un serial killer di bambini che operava negli anni 70/80. L'autore però prende in prestito questa vicenda trasportandola nel 1953 e lo fa per narrare tutti gli orrori del regime stalinista, accoppiandoli a quelli del killer come se viaggiassero in parallelo. Infatti il protagonista è un agente del terribile e spietato Ministero per la Sicurezza dello Stato, l'MGB, che, inizialmente integerrimo, decide di indagare su casi orribili di bambini uccisi in varie città della Russia, trovando un collegamento. MA non è così semplice, perché nello stato "perfetto" del regime il crimine, soprattutto seriale, non è contemplato, non può esistere e il solo pensarlo è un atto contro il Sistema. Il protagonista si ritrova così da predatore a preda... Leggere questo romanzo avvincente significa entrare in un mondo totalitario dove si poteva morire davvero per un nonnulla; bastava essere antipatici a qualcuno e si moriva. L'autore descriva benissimo il sistema stritolante dell'epoca e vi assicuro che leggere certe realtà fa venire davvero i brividi, soprattutto a noi "occidentali", che siamo nati e vissuti senza nemmeno avere la minima idea idea di cosa significasse vivere così.

Utente 86355
30 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

"La Strada Più Pericolosa Del Mondo" di Luca Azzolini
La strada più pericolosa del mondo non è come tutte le altre. Allunghi i denti affilati che scricchiolano nel vento a occhi freddi e voi come crepa c.sa voci spaventose e teatro che odora di neve. Non è così e non è coperta d'asfalto; non essere scende segnali. La strada più pericolosa del mondo però ha come meta il sogno di tre ragazzini.:Andare a scuola.

Utente 86355
30 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

"La Strada Più Pericolosa Del Mondo" di Luca Azzolini-136pag-

Utente 31856
368 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

" EDUCAZIONE SIBERIANA" di N.Lilin
Cosa significa nascere, crescere, diventare adulti in una terra di nessuno, in un posto che pare fuori dal mondo, uno stato chiamatoa Transnistria, regione dell'ex Urss autoproclamatasi indipendente nel 1990 ma non riconosciuta da nessuno Stato. In Transnistria, ai tempi di questa storia, la criminalità era talmente diffusa che un anno di servizio in polizia ne valeva cinque, proprio come in guerra. Nel quartiere Fiume Basso si viveva seguendo la tradizione siberiana e i ragazzi si facevano le ossa scontrandosi con gli "sbirri" o i minorenni delle altre bande. La scuola della strada voleva che presto dal coltello si passasse alla pistola. Ma l'apprendistato del male e del bene, per la comunità siberiana, è complesso, perché si tratta d'imparare a essere un "criminale onesto". Nicolai Lilin racconta un mondo incredibile, tragico, dove la ferocia e l'altruismo convivono con naturalezza.
E' una specie di diario incredibile della vita del protagonista (Nicolaji). Mi auguro che molte esperienze raccontate non siano vere altrimenti c'è da chiedersi come una persona che realmente vive tali episodi possa rimanere sana di mente

Utente 31674
104 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica

La neve sotto la neve di Alessandro Perissinotto/Arno Saar
Secondo libro con protagonista il commissario Marko Kurismaa, membro della polizia di Tallinn.
Il ritrovameno del cadavere di una giovane donna adagiato su un divano e sepolta sotto la neve presso la zona di Kopli, frequentata da spacciatori, squatter e delinquenti di ogni genere, porta il commissario ad indagare in ambienti dediti alla prostituzione di alto bordo. La ricerca è frenetica perchè ci sono altre ragazze in pericolo...

Utente 50222
64 posts

Re: Commenti alla missione 5: un libro ambientato in uno stato dell'Ex Unione Sovietica "LE NOTTI BIANCHE " di FEDOR DOSTOEVSKIJ

UN SOGNATORE DURANTE UNA SUA PASSEGGIATA NOTTURNA A SAN PIETROBURGO INCONTRA ,UNA RAGAZZA CHE RISVEGLIA IN LUI IL SENTIMENTO DELL' AMORE ,DA TEMPO SOPITO .INIZIA LA SUA "EDUCAZIONE SENTIMENTALE " CON RACCONTI E ANEDDOTI DI VITA DI ENTRAMBI .TUTTO SI SVOLGE IN QUATTRO GIORNI .DOVE E' LECITO SOGNARE ,FANTASTICARE ...UN AMORE PULITO ,SINCERO MA ESCLUSIVAMENTE PLATONICO ...NON C' E' TEMPO PER L' AMORE VERO ...COME SEMPRE IN TUTTE LE SUE SFACCETTATURE L' AMORE VINCE SEMPRE ...BELLO

Elena Novaretti
163 posts

Dasvidania di Nilokai Prestia

Un libro duro, toccante ma anche tenero che racconta la storia di due fratellini. di 7 e 8 anni, che finiscono in un orfanotrofio in una cittadina della Russia perchè la mamma, drogata e costretta a prostituirsi, non riesce a mantenerli.
Ambientato nella seconda metà degli anni novanta, racconta in modo diretta la povertà della Russia e gli orfanotrofi, che però garantiscono un livello di vita accettabile e anche tanta umanità, come nel caso del direttore o dell'infermiera.
Molto poetica l'allegoria della mela verde che ispira anche la copertina del romanzo.
E soprattutto un inno a credere nel futuro, senza dimenticare nulla di quello che si è vissuto.

Super consigliato.

https://webopac.csbno.net/opac/detail/view/csbno:catalog:633630

2177 Messaggi in 290 Discussioni di 137 utenti

Attualmente online: Ci sono 87 utenti online