Community » Forum » Recensioni

Il vangelo della scimmia
3 1 0
Wilson, Christopher P.

Il vangelo della scimmia

Padova : Meridiano Zero, 2011

Abstract: Diciottesimo secolo. Un'isoletta al largo dell'Inghilterra, avvolta dalle brume del nord, così remota che nessuno straniero vi approda da generazioni. Una nave da guerra dove i marinai tengono una scimmia come portafortuna, libera come uno spiritello e vezzeggiata da tutti. Quando una violenta tempesta fa naufragare la nave, la scimmia approda fortunosamente sulle rive dell'isola. Qui gli abitanti hanno ormai cristallizzato le classi, i costumi e le leggi, forti di una ferrea quanto originale interpretazione delle Scritture. Per loro la scimmia è uno straniero, che storpia il linguaggio facendo rotolare le parole come sassi, con suoni indecifrabili. La scimmia diventa il perno delle aspettative dell'intera comunità. Il mercante Hogg si affanna a organizzare il matrimonio dello straniero con sua figlia, Vera la pazza vuole farlo diventare l'amante delle sue notti solitarie. Ma i grugniti incomprensibili dello straniero, le sue pose oscene, il suo ciondolare dagli alberi anziché camminare sulla terra, e tutti i suoi comportamenti promettono peccati tanto orribili da precipitare ogni sicurezza nel caos. Il diverso deve essere sacrificato, perché in una società così autoreferenziale è importante che nulla possa cambiare. Christopher Wilson è il genere di scrittore in grado di fare satira radicale, profonda, divertente. Ne "Il vangelo della scimmia" si respira l'aria dei viaggi di Gulliver e, insieme all'ironia, il lascito di Kafka.

826 Visite, 1 Messaggi
Utente 13728
11 posts

Un libro che parla della natura dell'uomo con ironia e crudeltà. Tutt'altro che verosimile riesce comunque a mostrare con estrema chiarezza di quanta cattiveria e opportunismo sono capaci le persone, rendendosene conto o meno.

  • «
  • 1
  • »

8503 Messaggi in 7024 Discussioni di 1101 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online