Community » Forum » Recensioni

Stalker
0 1 0
Strugackij, Boris Natanovic

Stalker

Mondadori, 1962

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 0
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
827 Visite, 1 Messaggi
Utente 47
16 posts

A quanto risulta dal catalogo online, il bellissimo romanzo breve dei fratelli Strugackij (da cui poi Tarkovskij trasse il famoso e struggente film del 1979) è scomparso misteriosamente dai fondi librari del consorzio. Per fortuna (o per sfortuna di chi, come me, lo lesse per la prima volta proprio in questa versione, acquistata su una bancarella di libri usati) è scomparsa solo la vecchia edizione Mondadori (Urania). Il libro si può trovare a catalogo nella nuova traduzione edita da Marcos y Marcos Picnic sul ciglio della strada, che riprende il titolo originale. E quindi ci è conservato il piacere di poter (ri)leggere questo classico della fantascienza, in cui un'umanità sconfitta e triste ma teneramente mai rassegnata alla rinuncia cerca di carpire i segreti di inimmaginabili alieni extradimensionali attraverso pochi pericolosissimi oggetti abbandonati con noncuranza sulla Terra. Riuscitissimo il senso di grandiosa (e minacciosa) estraneità del mistero cosmico. e la metafora delle formiche alle prese coi rimasugli di un picnic è calzante. Ma non così pessimista come potrebbe apparire a prima vista. Dal racconto emergono uomini che lottano per il riscatto dell'umanità: anche chi, come gli stalkers, crede di agire  solo per il denaro, in fondo non ci sta a soggiacere passivamente al diktat del mysterium, di ciò che non si deve indagare perchè qualcuno (Qualcuno?) ha deciso così.  Alla fine, il messaggio è che la coscienza (di classe, o meglio, in questo caso, di "specie") prevale. In questi tempi di rifiuti (metaforici e non) ben più terrestri, ma non meno nocivi e non meno arrogantemente imposti al mondo, questo libro serve anche a pensarci su.

  • «
  • 1
  • »

8664 Messaggi in 7149 Discussioni di 1116 utenti

Attualmente online: Ci sono 35 utenti online