Community » Forum » Recensioni

Arancia meccanica
4 1 0

Arancia meccanica

[S.l.] : Warner Bros, [2001]

Abstract: Siamo a Londra, nel 1980. Alex F il capo di un quartetto di giovani teppisti che trascorrono le loro giornate nell'esercizio di efferate violenze e stupri, dopo essersi drogati. A farne le spese sono un mendicante selvaggiamente picchiato, una banda rivale fatta a pezzi, una ragazza di strada violentata e infine uno scrittore, massacrato di botte fino a procurargli una paralisi agli arti, mentre sua moglie, di cui abusano, morira qualche tempo dopo. Alex, inoltre, F appassionato della musica di Beethoven, di cui si serve per immergersi in sogni innaturali. Scontenti per il suo dispotismo, i compagni, allorchT uccide una ninfomane, lo colpiscono e lo lasciano nelle mani della polizia. Condannato a 14 anni di reclusione, il giovane si finge mite e ottiene, dopo due anni, di venire sottoposto ad una specie di lavaggio del cervello, un trattamento di condizionamento al bene mediante nausea per il male. Rimesso in liberta, dopo essere diventato remissivo e pacifico, sono gli altri ora ad essere violenti con lui: la famiglia lo respinge, due suoi amici - divenuti poliziotti - lo seviziano, lo scrittore sua vittima cerca di farlo impazzire. Dopo un tentativo di suicidio, viene ricoverato a spese dello Stato in una clinica, dove gli verra restituita la sua primitiva fisionomia.

704 Visite, 1 Messaggi

Classico del cinema Kubrickiano e non.Ancora attualissimo riguardo al tema della violenza e del suo controllo da parte delle istituzioni. Un film che è entrato nell'immaginario collettivo e la cui struttura "a due tempi"  verrà in seguito ripresa da "Full Metal Jacket" in maniera inversa. Qui la prima parte del film descrive la pratica della violenza e la seconda il tentativo del controllo di tale violenza da parte della società, nel film del 1987 la prima parte tratta del condizionamento alla violenza dell'istituzione militare e la seconda della sua pratica.Storica la colonna sonora. Malcolm McDowell crea uno stereotipo di personaggio di cui rimarrà prigioniero per il resto della carriera.

  • «
  • 1
  • »

8664 Messaggi in 7149 Discussioni di 1116 utenti

Attualmente online: Ci sono 39 utenti online