Community » Forum » Recensioni

La solitudine dei numeri primi
2 23 0
GIORDANO, Paolo - Mondadori <casa editrice>

La solitudine dei numeri primi

Milano : Mondadori, 2008

Abstract: Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.

2103 Visite, 23 Messaggi
Utente 84
1 posts

Per essere un&#39;opera prima, niente male.Complimenti allo scrittore per aver scritto un libro semplice, scorrevole e alla portata di tutti i lettori. Chiunque abbia letto il libro avrà capito alcune problematiche che colpiscono,purtroppo, gli adolescenti di oggi. Positiva la mia valutazione.

Claudia Cavalli
259 posts

  atteso per troppo tempo e enon all&#39;altezza delle aspettative!! noioso, sfilacciato,  stancante, difficoltoso e tortuoso nella lettura ma non per la pregnanza dei contenuti ma per come e &#39;stata resa poco scorrevole la scrittura!!m&#39;ha deluso 

Utente 107
41 posts

Lettura scorrevole, accattivante, un bell&#39;esordio!

Utente 88
56 posts

Concordo che per essere un'opera prima è molto bello. Un libro scorrevole, forse un po' triste.

Utente 165
42 posts

come purtroopo succede molto spesso quando si sente parlare molto di un film o di un libro l'aspettatiava non rispetta la realtà.
 
un po' toruoso e in alcuni punti forzato

Utente 180
313 posts

Credo che sia un ottimo libro. L'ho letteralmente divorato in due sole serate. L'ho consigliato a un paio di amici che hanno confermato il mio giudizio altamente positivo. LEGGETELO se potete: ritengo che mi darete ragione...

Utente 181
35 posts

Non mi è piaciuto. La scrittura è scorrevole, credo che questo giovane autore abbia un buon potenziale. MA QUESTO LIBRO E' DI UNA NOIA MORTALE.

Utente 89
6 posts

La lettura è scorrevole, ma il libro è monotono e la storia è coinvolgente solo all'inizio, da metà libro in poi le pagine scorrono senza che accada niente di particolare. In alcuni tratti mi pare un po' forzato.

8503 Messaggi in 7024 Discussioni di 1101 utenti

Attualmente online: Ci sono 3 utenti online