Community » Forum » Recensioni

Il centauro
4 1 0
Updike, John

Il centauro

Torino : Einaudi, 2014

Abstract: George Caldwell è un insegnante che non sopporta più la scuola e i suoi studenti, suo figlio Peter non ha amici, ama Vermeer e soffre di psoriasi. Entrambi sognano di andarsene via dalla cittadina della Pennsylvania in cui vivono. Il sacrificio di uno salverà l'altro, come Chirone con Prometeo? Con "II centauro" Updike dimostrò che con la scrittura sapeva fare tutto. Un'onnipotenza virtuosistica che riesce ancora oggi a incantare il lettore. Basta prendere l'incipit del romanzo o la lunga scena della lezione di astronomia per capire come il minimo dettaglio realistico riesca a caricarsi di significati che lo trascendono, ogni infelicità individuale si proietti nel pulsare di una ferita cosmica. Con i suoi piani narrativi cangianti e l'alternanza (o la mescolanza) tra personaggi realistici e mitologici, è il romanzo più ardito di Updike, forse il più affascinante. Prefazione di Luca Briasco.

474 Visite, 1 Messaggi
Utente 9105
126 posts

Opera veramente affascinante, di agile lettura ma di difficile comprensione. Per comprenderla a fondo è opportuno avere una pregressa conoscenza della mitologia greca, oppure rinfrescarla con la Teogonia di Esiodo, tenendo a portata di mano i miti greci di Graves. Di grande aiuto anche l'Indice mitologico posto a fine volume. Ciò non significa però che non si possa leggere come un buon romanzo di formazione ambientato nella provincia americana. A mio parere imperdibile.

  • «
  • 1
  • »

8499 Messaggi in 7020 Discussioni di 1100 utenti

Attualmente online: Ci sono 47 utenti online