Community » Forum » Recensioni

Copertina
3 1 0
CONNOLLY, John

L' angelo delle ossa

Milano : Rizzoli, 2006

Abstract: Il passato è in attesa dell'investigatore privato Charlie Parker. Il presente ha la forma di una ragazza, giovane, bella e scomparsa misteriosamente. Una ragazza sola. O almeno questo è ciò che crede il suo rapitore. Ma si sbaglia di grosso: la ragazza è la cugina di Louis, l'ombra di Parker, il suo braccio destro. Più l'indagine si avvicina alla verità e più i due amici scoprono che la pista che stanno seguendo è lastricata di ossa, pergamene e antichi miti biblici. La loro ricerca li porta a spaziare dagli squallidi vicoli newyorchesi, a un'antica abbazia della Boemia che conserva le tracce di un sanguinoso massacro medievale, e infine in Francia, nei luoghi che furono teatro di altri drammatici eventi accaduti nel corso dellà Seconda guerra mondiale. La chiave del mistero sembra celata nei frammenti di una vecchia pergamena che parla di una statua d'argento: l'Angelo nero, l'angelo ribelle bandito da Dio e caduto sulla Terra, un simbolo misterioso e fortemente ricercato anche della setta dei Credenti. Chi sono? Sembrano spietati e pronti a tutto pur di ritrovarlo. Agiscono nell'ombra, seminando morte e orrore: angeli caduti che non trovano pace. Il mito diventa realtà. La realtà mito. Tra religione e storia, tra fede e leggende millenarie Parker si ritrova ad affrontare il più subdolo dei nemici: una voce nella sua testa. Sei stato trovato. È questa volta dovrà vedersela con qualcosa che non ha mai affrontato prima: il proprio passato.

876 Visite, 1 Messaggi
Utente 332
100 posts

Forse gli angeli che si ribellarono a Dio non lo fecero per superbia. Non si ritenevano superiori agli uomini ma, anzi, li invidiavano perchè provavano le passioni, amavano, bruciavano di desiderio, generavano prole. La meravigliosità dell'essere umani mancava a chi era sempre uguale per l'eternità.
Gli angeli ribelli scesero tra gli uomini ed amarono. Ma persero Dio che li condannò all'esilio.
Molti accettarono con rabbia la cosa. Uno no. Legato all'Amore eterno e spirituale (per Dio), perdeva gli amori fisici, quelli reali (le 2 donne che si innamorarono di lui sposandolo). A lui interessava solo il riguadagnare l'affetto Ideale.
Sembra quasi la storia di coloro, tra noi, che per inseguire un sogno, un'Amore ideale, perdono e si giocano tutte le belle occasioni della realtà.
Alla fine per cosa piangeranno, per cosa piangeremo?

  • «
  • 1
  • »

8503 Messaggi in 7024 Discussioni di 1101 utenti

Attualmente online: Ci sono 2 utenti online