Community » Forum » Recensioni

Auto da fé
4 1 0
CANETTI, Elias

Auto da fé

Milano : Adelphi, 2001

Abstract: Da una parte un grande studioso, Kien, che disprezza i professori, ritiene superflui i contatti con il mondo e ama in fondo una cosa sola: i libri. Dall'altra la sua governante, Therese, che raccoglie in sé le più raffinate essenze della meschinità umana. Il romanzo racconta l'incrociarsi di queste due remote traiettorie e ciò che ne consegue: la minuziosa, feroce vendetta della vita su Kien, che aveva voluto eluderla con la stessa accuratezza con cui analizzava un testo antico.

46 Visite, 1 Messaggi
Utente 9105
103 posts

Romanzo di lettura non facile, riscrittura in chiave moderna del picaresco Don Chisciotte, stilisticamente prossimo alla letteratura del "flusso di coscienza", a partire da Joyce ma anche dai grandi protagonisti della letteratura mittleuropea degli anni a cavallo della grande guerra, Kafka, Karl Kraus, Broch. Sarebbe opportuno, prima di leggere il romanzo, conoscerne la genesi, direttamente dal saggio scritto dallo stesso autore ed inserito nelle edizioni più recenti. Curiosa la vicenda dei diversi titoli dati all’opera nell’edizione originale e in quelle straniere: dal titolo originale Die Blendung (l’Abbagliamento) della prima pubblicazione viennese del 1935, ad Auto da fè della edizione inglese, a The Tower of Babel dell’edizione americana, per venire a titolo Auto da fè dell’edizione italiana, condiviso dallo stesso Canetti. Auto da fè o “Atto della fede”, o se si preferisce “Rogo”, il rogo purificatore(?) con cui si conclude il romanzo

  • «
  • 1
  • »

6801 Messaggi in 5631 Discussioni di 958 utenti

Attualmente online: Ci sono 27 utenti online