Community » Forum » Recensioni

The Gentleman Bastard sequence. 1: Gli inganni di Locke Lamora
3 2 0
Lynch, Scott

The Gentleman Bastard sequence. 1: Gli inganni di Locke Lamora

Milano : Nord, c2007

Abstract: Piccolo di statura, deboluccio e un po' imbranato con la spada, Locke Lamora ha però un grande punto di forza: nessuno lo può battere quanto ad astuzia e abilità truffaldina. E benché sia vero che ruba ai ricchi nessun povero ha mai visto un soldo bucato dei suoi furti. Tutto ciò su cui mette le mani lo tiene per sé e per i Bastardi Galantuomini, la sua banda. A suo modo, Locke è il re di Camorr, una città che sembra nata dall'acqua, ornata di migliaia di ponti e di sontuosi palazzi barocchi e popolata da mercanti, soldati, accattoni e, ovviamente, ladri. In realtà, Camorr è il dominio di Capa Barsavi, perversa mente criminale, che da qualche tempo è impegnato in una lotta senza quartiere con il Re Grigio, altro personaggio decisamente poco raccomandabile. Impiccione per natura, Locke si ritrova suo malgrado in mezzo a questo scontro di titani e rischia di lasciarci le penne. Anche perché il suo misterioso passato nasconde un segreto che può mettere in pericolo l'intera nazione camorrana...

751 Visite, 2 Messaggi
Utente 7646
195 posts

Locke Lamora è il leader dei Bastardi Galantuomini, forse la più ricca tra le bande di Camorr (una Venezia rinascimentale), un quintetto che ruba ai ricchi (e già questo sarebbe vietato dalla Pace Segreta) per dare... a se stessi. La prima parte del libro è più "Ocean's 11", la seconda "Il Conte di Montecristo"; le due trame convergono nel finale. Ambientazione intrigante, personaggi tutto sommato accattivanti (il Ragno a mio parere è nettamente inferiore alla sua controparte nelle "Cronache del ghiaccio e del fuoco"), un autore che non ha paura di sporcarsi le mani col sangue dei protagonisti: nel complesso, una lettura piacevole, nonostante l'assenza di una mappa, la frequente volgarità nei dialoghi, e qualche svista nella traduzione ("pluridannati", "gli arcieri [erano] pronti a sparare ai sopravvissuti" - gli arcieri "sparano" in inglese, ma "tirano" in italiano). Il lettore interessato dovrebbe sapere che nelle intenzioni dell'autore la serie sarà composta da 7 libri: tuttavia la pubblicazione del 4⁰ a febbraio 2020 risulta rinviata indefinitamente, e la casa editrice Nord ha abbandonato i diritti di traduzione dopo il 2⁰ volume ("I pirati dell'Oceano Rosso"), quindi il 3⁰ ("The Republic of Thieves") risulta attualmente disponibile solo in inglese. Detto questo, il primo volume è autoconclusivo e godibilissimo come opera a sè. 4/5

Utente 32500
123 posts

La storia viene sviluppata su due piani temporali, uno presente, in cui seguiamo i personaggi principali nei loro piani criminali, e uno passato dove scopriamo l'origine dei giovanissimi della banda "bastardi galantuomini".
Uno dei punti di forza del libro sono sicuramente i personaggi a cui ci si affeziona facilmente, e l'amicizia che lega Locke e i suoi compagni.
Di contro ho trovato invece il ritmo molto altalenante: a parte l'inizio che è molto lento, l'alternarsi della narrazione passata a quella presente fa calare drasticamente la tensione (e la voglia di continuare) nel corso della lettura, ed è un peccato perché la storia comunque è interessante.
Nel complesso mi è piaciuto, perché è un libro ricco di avventura e di intrighi, ma ci sono dei cali di ritmo nella narrazione che mi hanno annoiato molto, e il mio giudizio finale ne ha risentito.

  • «
  • 1
  • »

8622 Messaggi in 7112 Discussioni di 1110 utenti

Attualmente online: Ci sono 51 utenti online