Community » Forum » Recensioni

Il grande Gatsby
0 1 0
Fitzgerald, Francis Scott

Il grande Gatsby

Roma : Grandi Tascabili Economici Newton, 2011

Abstract: L'essenzialità, la finezza descrittiva e la nitidezza del procedimento narrativo (la storia è raccontata attraverso il punto di vista di Nick, vicino e amico di Gatsby), la creazione sapiente di personaggi indimenticabili hanno fatto ormai di questo romanzo un punto fermo, un "classico moderno". Lo scenario è quello dei frenetici anni Venti, di cui Fitzgerald stesso e la moglie Zelda furono favolosi protagonisti tra New York, Parigi e la Costa Azzurra. Attraverso le sue feste brillanti e stravaganti, il lusso e la mondanità di cui si circonda, il "grande Gatsby", il misterioso, affascinante e inquieto protagonista, non mira tuttavia che a ritrovare l'amore di Daisy. Ma è possibile ricatturare il passato? Al di là della romantica suggestione, il sogno di Gatsby diventa emblema di un sogno di assolutezza, come l'originario "sogno americano" di un Mondo Nuovo, che, come ogni sogno di purezza astratta, la realtà frantuma e disperde. Gatsby e Daisy per molti di noi hanno i volti di Robert Redford e Mia Farrow, interpreti di una famosa versione cinematografica del 1974. Introduzione di Walter Mauro.

16 Visite, 1 Messaggi
Utente 24891
152 posts

La trama ben strutturata e scorrevole coinvolge il lettore nelle vicende dei protagonisti e gli permette di "digerire" meglio la prosa verbosa tipica dell'autore, di certo non di facile lettura. La crescente attesa che precede il disvelamento di Mr. Gatsby è una delle cifre più significative del romanzo che, di fatto, vive del legame che si instaura tra il narratore e Gatsby stesso, trasformandosi a poco a poco da un rapporto vissuto sotto la scomoda ala della soggezione a un rapporto di reciproco e benefico rispetto.
Il libro meglio riuscito di Fitzgerald. [8]

  • «
  • 1
  • »

6502 Messaggi in 5388 Discussioni di 924 utenti

Attualmente online: Ci sono 49 utenti online