Community » Forum » Recensioni

La magia dell'ultima estate
0 1 0
Russo, Richard

La magia dell'ultima estate

[s.l.] : Frassinelli, 2010

Abstract: Griffin è un insegnante in crisi: la moglie non lo sopporta più, la figlia sta per sposarsi e lui deve chiudere i conti non solo con una professione che non lo convince, ma soprattutto con un paio di genitori - egoisti, snob, avventati e crudeli - che gli hanno reso la vita alquanto difficile. Durante un'estate che lo spinge a rimettersi in gioco, Griffin raccoglie i ricordi di quand'era ragazzo, su quella stessa spiaggia: per capire infine che gli errori dei padri possono ricadere sui figli. Una vicenda umana commovente, una scrittura davvero gradevole, a tratti toccante, a tratti tagliente, una penna intinta nella nostalgia.

682 Visite, 1 Messaggi
Utente 24891
182 posts

Confrontato con il suo più famoso (o, quantomeno, più premiato) "Il declino dell'impero Whiting", "La magia dell'ultima estate" è un libro in cui Russo padroneggia ancor di più l'arte della scrittura, al punto da realizzare dei capitoli in cui più episodi della vita del protagonista, pur avvenuti in epoche molto distanti, vengono accostati per assonanza, in una sorta di "train of thoughts" che permette al lettore di conoscere il protagonista in tutte le fasi della sua vita.
I temi principali sono quelli tipici di Russo -il senso di famiglia, la realizzazione professionale e personale di un uomo di mezz'età- ed emerge tutta la sua scrittura "intima" e personale, che avvicina e conquista il lettore.
Il risultato finale è molto convincente. [8]

  • «
  • 1
  • »

8622 Messaggi in 7112 Discussioni di 1110 utenti

Attualmente online: Ci sono 26 utenti online