Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Bianco letale - Robert Galbraith

Questo 4° romanzo della saga del detective Cormoran Strike è il più avvincente dei 4. Ricalca lo stile fluido ed entusiasmante del primo romanzo diGalbraith, ma qui i personaggi spiccano per il carattere determinato e personale e per la conduzione delle indagini. L'autore supera se stesso sottolineando uno stile di scrittura unico. Fornisce al lettore mille possibilità di inquadrare "il caso" su cui il detective è chiamato, assieme alla sua insostituibile socia, a indagare e a risolvere ma,
dei mille scenari proposti, il protagonista mirabilmente riuscirà ancora una volta a stupire il lettore con il suo personale stile e modus operandi di condurre le indagini. L'ingarbugliato caso e le vicende personali di Cormoran Strike and Company terranno il lettore costantemente curioso ed attento dalla prima all'ultima riga di questo stupendo romanzo. Consigliato assolutamente a chi ama Strike and Company.

Rosemary's baby - Ira Levin

Originariamente pubblicato nel 1967, Rosemary's Baby è considerato un opera seminale nel genere horror. I coniugi Guy e Rosemary Woodhouse si trasferiscono nel condominio Bramford, in passato domicilio di un satanista nonchè di una coppia di sorelle con l'hobby del cannibalismo. I Woodhouse si ritrovano come vicini di casa i Castevet, una coppia di anziani ficcanaso; Rosemary ne è un po' imbarazzata, ma Guy comincia a frequentarli assiduamente. All'improvviso la stentata carriera di Guy come attore decolla, al punto che decide di mettere in cantiere un figlio con Rosemary. Lei rimane sorpresa dal repentino entusiasmo del marito, ma accetta di fare la sua parte, e rimane incinta. L'incubo è cominciato: Rosemary, già in rotta con la propria famiglia per aver sposato un protestante, viene progressivamente isolata; persino il suo ginecologo appartiene alla cerchia dei Castevet. Cosa si nasconde dietro le loro attenzioni morbose?

A distanza di oltre cinquant'anni, il sottotesto di emancipazione domestica di Rosemary non perde di mordente. Lo stile di scrittura è asciutto e senza fronzoli, e richiama il tranquillo terrore suburbano di Shirley Jackson. Il travolgente successo di pubblico di Rosemary's Baby, adattato da R. Polanski per il grande schermo nel 1968, avrebbe poi aperto la strada al filone horror degli anni '70, rappresentato tra gli altri da L'esorcista, di W. Blatty (1971) e Carrie, di S. King (1974).

Un horror non certo agghiacciante, ma ben costruito. 4 su 5.

Elevation - Stephen King

si legge in due-tre ore.... non è nulla di atteso! una storia dolcissima, quasi irrazionale ma di grande amicizia. un po' semplice per essere un libro "per adulti". ma l'avrà scritta proprio lui????

Valerio Magrelli legge Millennium poetry

Pensavo fosse noioso, palloso, pesante. Nulla di tutto questo! Sembra di aprire la finestra per prendere una boccata di aria fresca.
Da ascoltare a piccole dosi. E' come tuffarsi nelle divagazioni e turbolenze dell'animo dell'autore/lettore. xx buono

Il negoziatore - Frederyck Forsyth

Eccellente romanzo, con ottime ricostruzioni storiche e geografiche, riesce a tenere desto l'interesse per il 90% del libro, nonostrante la lunghezza non indifferente.
Forse non al livello del Dossier Odessa, ma indubbiamente una delle migliori produzioni di Forsyth

Sole di mezzanotte - Jo Nesbø

Autore scandinavo. Ambiente scandinavo. Ritmi scandinavi. Relazioni scandinave. Ma Pino Insegno riscalda.
Voto XX da analizzare sia il libro che la lettura.
Nota: Jo Nesbo scrive anche storie per bambini!!!