Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Inglese
× Data 2015

Trovati 7 documenti.

Mostra parametri
On heroes, lizards and passion
0 0 0
Libri Moderni

Ellis, Zoila

On heroes, lizards and passion : seven Belizean short stories / Zoila Ellis

Benque Viejo del Carmen : Cubola Productions, 2015

Abstract: "Seven short stories vividly depicting different facets of Belize's reality. From the country's rural areas to New York City, we accompany Belizean women and men as they go through the joys and hardships of life. Zoila Ellis demonstrates a definite ability to perceive and reproduce situations and characters, heightening the emotional impact of everyday events and rendering them into fine literature"--Page [4] of cover.

A Little Cloud
0 0 0
Libri Moderni

Joyce, James

A Little Cloud = Una piccola nuvola ; Ivy Day in the Committee Room = Il giorno dell'edera nella sede del comitato / James Joyce

Roma : L'Espresso, 2015

Short stories ; 22

Abstract: Nel microcosmo dublinese rappresentato da James Joyce in Dubliners (1914) emerge una sottile ma fitta trama di riferimenti incrociati che attraversa tutti i racconti e ha per scopo una caustica analisi della vita morale (o piuttosto, si potrebbe dire, amorale) della middle class irlandese. Gli elementi di unitarietà tra i racconti sono certo moltissimi, ma uno in particolare si ritrova in molti di essi, e tra questi anche nei due testi qui proposti, A Little Cloud e Ivy Day in the Committee Room, vale a dire il senso di sconfitta e di amara frustrazione che li pervade e che pervade i protagonisti, rendendoli di fatto inerti, incapaci di riconoscere la verità e agire di conseguenza. Nel primo racconto, l’incontro di un giovane con un vecchio amico divenuto un affermato giornalista scatena nel suo animo un turbinio di sentimenti più o meno repressi che vanno a mettere in discussione, e in crisi, tutta la sua vita. Anche in Ivy Day in the Committee Room domina un’atmosfera di delusione, di impossibilità di riscatto, anche se in un’altra prospettiva. In questa short story, una delle preferite dell’autore secondo quanto scrive Joyce stesso in una lettera, un gruppo di scalcagnati attivisti si riunisce un pomeriggio di ottobre, freddo e piovoso, nella Committee Room cui allude il titolo, costituendo un campionario di individui apatici, gretti e un po’ ipocriti, su cui Joyce non ha tuttavia intenzione di esprimere una semplice e banale condanna, quanto piuttosto di mettere in luce l’ambiguità e l’ambivalenza delle idee e dei sentimenti degli uomini.

My son the fanatic
0 0 0
Libri Moderni

Kureishi, Hanif

My son the fanatic ; Touched / Hanif Kureishi

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2015

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. New short stories

Abstract: My Son the Fanatic è stato da molti descritto come un racconto “profetico”: Kureishi, infatti, ha trattato la diffusione del radicalismo islamico all’interno della società occidentale in un’epoca in cui questo tema era ancora lontano dall’essere al centro dell’attenzione dei media e dell’opinione pubblica: questa short story è stata pubblicata sulle pagine del New Yorker nel 1994, ben prima dello choc dell’11 settembre e di quello che ne sarebbe seguito. D’altro canto il racconto si presta anche a un’altra lettura: al centro della vicenda c’è in realtà l’evoluzione del rapporto tra un padre e un figlio, i rappresentanti tipici di due generazioni di immigrati pachistani in Inghilterra, in connessione alle aspirazioni più profonde, ai desideri, alla visione del mondo. In effetti l’identità non sempre ben definita né sempre uguale degli immigrati e dei loro figli, e quindi il loro modo di porsi nei confronti dell’integrazione da un lato, le relazioni fra le generazioni all’interno delle comunità di immigrati dall’altro, sono tematiche ricorrenti nell’opera di Kureishi, che ha vissuto personalmente queste esperienze.

Adults Alone
0 0 0
Libri Moderni

Homes, A. M.

Adults Alone ; Jim Train / A.M. Homes

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2015

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. New short stories

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Quando, nel 1999, il New Yorker la inserì nella lista dei venti autori sotto i quarant’anni considerati “The Future of American Fiction”, A.M. Homes non era più un’esordiente: al suo attivo, infatti, aveva già quattro romanzi (tra cui il controverso The End of Alice, 1996, avente per protagonista un pedofilo assassino, condannato all’ergastolo, che intrattiene una corrispondenza epistolare con una ragazza che tenta di sedurre il suo vicino di casa di dodici anni) e una notevole raccolta di racconti (The Safety of Objects, 1990). Era stata in effetti proprio questa raccolta a portare all’attenzione della critica l’autrice, che, con uno stile semplice ma intriso di elementi simbolici, analizza la psicologia di personaggi intrappolati nella complessità delle relazioni familiari. L’abilità di A.M. Homes sta nel mettere in scena gli aspetti più oscuri della vita domestica, come nei racconti qui presentati: in Adults Alone Elaine e Paul, una coppia appena trasferitasi da New York City nella vicina contea di Westchester, trascorrono un periodo di tempo senza i figli in una sorta di regressione adolescenziale che va un po’ oltre il giocoso recupero della libertà (gli stessi personaggi torneranno nel romanzo Music for Torching, 1999), mentre in Jim Train le rodate abitudini di un affermato professionista vengono sconvolte da un imprevisto che ne svelerà paure e inadeguatezze.

The new dress and other stories
0 0 0
Libri Moderni

Woolf, Virginia

The new dress and other stories / Virginia Woolf

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2015

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. New short stories

Abstract: Il party che chiude il romanzo Mrs Dalloway ha offerto lo spunto a Virginia Woolf per scrivere un certo numero di short stories, tra cui due di quelle qui presentate: The New Dress e The Man Who Loved his Kind. Nel primo racconto la protagonista, la non più giovanissima Mabel Waring, arriva alla festa di Clarissa Dalloway con un abito nuovo, che però le appare subito inadeguato rispetto all’ambiente in cui si trova, e seguendo il suo flusso di coscienza comprendiamo la complessità delle emozioni che la spingono ad abbandonare anzitempo la festa. Nel secondo racconto viene ripresa la disperata constatazione di Mabel dell’impossibilità di comunicare con gli altri; infatti anche in The Man Who Loved his Kind i due personaggi principali, l’avvocato Prickett Ellis, un vecchio compagno di scuola di Richard Dalloway, e Miss O’Keefe, si trovano quasi costretti a conversare insieme, ma senza trovare un punto di incontro, tanto sono ripiegati su se stessi, nonostante il dichiarato amore per i loro simili. Il terzo racconto, The Legacy, appartiene alla produzione più tarda e costituisce quasi un’eccezione nel corpus della Woolf: si tratta infatti di una sorta di indagine sulla morte, avvenuta in circostanze non chiarite, della moglie di un uomo politico in vista. La soluzione è scritta nel diario della defunta; leggendo del suo bisogno di evadere da una vita che non può più essere vissuta è impossibile non pensare alla vicenda della scrittrice stessa.

Reb kringle
0 0 0
Libri Moderni

ENGLANDER, Nathan

Reb kringle = Babbo Rebbe ; For the relief of Unbearable urges = Per alleviare insopportabili impulsi / Nathan Englander

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2015

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. New short stories

Abstract: Reb Kringle” (Babbo Rebbe) e “For the Relief of Unbearable Urges” (Per alleviare insopportabili impulsi) sono i due racconti brevi di Nathan Englander, lo scrittore 45enne americano nominato al Pulitzer. n’occasione per rinfrescare il proprio inglese.

Will You Please Be Quiet, Please? ...and other stories
0 0 0
Libri Moderni

CARVER, Raymond

Will You Please Be Quiet, Please? ...and other stories = Vuoi star zitta, per favore? ... e altre storie / Raymond Carver

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2015

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. New short stories

Abstract: Con la sua prima raccolta di short stories, Will You Please Be Quiet, Please? (1976), Raymond Carver ottiene un grande successo commerciale e l’approvazione della critica, che oggi considera questi racconti un punto di riferimento per il minimalismo. Attraverso una prosa priva di artifici narrativi o virtuosismi stilistici, l’autore tratteggia la vita tediosa nei sobborghi americani della middle class, mostrandone l’insoddisfazione e il senso incombente di inadeguatezza. Si tratti di un rappresentante di commercio “in attesa di nuovo impiego” come Earl Ober di They’re Not Your Husband che, dopo aver sentito i commenti di alcuni avventori nel bar dove lavora la moglie, la costringe a mettersi a dieta; o che ci si trovi come in Bicycles, Muscles, Cigarettes nel bel mezzo di una discussione animata, sfociante in un confronto corpo a corpo, tra i genitori di alcuni ragazzini per la scomparsa di una bicicletta; oppure ancora che ci si introduca nell’intimità domestica della coppia di insegnanti di Will You Please Be Quiet, Please? per scoprire che dietro l’apparente idillio si nasconde un segreto scomodo quanto prevedibile, le pagine di Carver raccontano di un disincanto intrinseco alla realtà. Ma sebbene ci offra il ritratto di un’America disfunzionale, Carver non si erge mai a giudice implacabile dei suoi personaggi: il suo intento è far riflettere sulla complessità della natura umana, l’inestricabilità di buono e cattivo in ognuno di noi, preferendo un commento ironico o accorato a una condanna senza possibilità di appello.