Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Inglese
× Nomi Formaggio, Mauro

Trovati 11 documenti.

Mostra parametri
Wakefield
0 0 0
Libri Moderni

Hawthorne, Nathaniel

Wakefield ; The minister's black veil = Il velo nero del ministro del culto ; Ethan Brand / N. Hawthorne ; [primo racconto] traduzione di Gabriella Bertilaccio ; [secondo racconto] traduzione di Mauro Formaggio ; [terzo racconto] traduzione di Gabriella Bertilaccio

Roma : L'espresso, 2016

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. Short stories ; 12

Abstract: Nathaniel Hawthorne amava definire i suoi romanzi "romances": mentre il "novel" rappresentava la forma del realismo narrativo, il romance privilegiava una narrativa "soggettiva", intessuta di simboli, allegorie, problemi intellettuali, psicologici o esistenziali. In Hawthorne prevale infatti la ricerca di una più alta comprensione della natura umana, anche nei suoi aspetti più aberranti. Non a caso i suoi personaggi sono sempre eccentrici, come a manifestare un sostanziale disadattamento rispetto a canoni di comportamento troppo astratti nel loro rigore, e questo dicasi anche per i protagonisti dei racconti qui presentati. "Wakefield" (1835) narra di un tranquillo signore londinese che decide di sparire per vent'anni. Solo quando saprà di essere vicino alla morte si ripresenterà dalla moglie senza dare alcuna spiegazione, come se si fosse allontanato il giorno prima. In "The Minister's Black Veil" (1836) il pastore Hooper un giorno si presenta alla funzione domenicale con un velo nero che gli copre interamente il volto, senza dare spiegazioni a nessuno. E continuerà a portare quel velo sempre, confessando solo in punto di morte le ragioni di tale scelta. "Ethan Brand" (1850) è la storia di un uomo che lascia tutto e parte alla ricerca del Peccato Imperdonabile. Dopo molti anni farà ritorno, rivelando di aver trovato quel Peccato in se stesso.

The secret garden
0 0 0
Libri Moderni

Chesterton, Gilbert Keith

The secret garden = Il giardino segreto ; The broken sword sign = All'insegna della spada spezzata / G. K. Chesterton ; [primo racconto] traduzione di Mauro Formaggio ; [secondo racconto] traduzione di Marcella Maffi

Roma : L'espresso, 2016

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso. Short stories ; 10

Abstract: Presentiamo qui due short stories di Gilbert Keith Chesterton aventi per protagonista padre Brown, il prete-detective protagonista di una fortunata serie di racconti polizieschi. "The Secret Garden" (1910) racconta il ritrovamento, durante una cena in casa di Aristide Valentin, capo della polizia di Parigi, del cadavere decapitato di uno sconosciuto. Tra lo sconcerto generale, poco dopo viene scoperta una seconda testa, insieme alla sciabola insanguinata di uno degli invitati... Ma padre Brown saprà in men che non si dica ricomporre il complesso puzzle. In "The Broken Sword Sign" (1911) padre Brown visita la tomba del generale Arthur St Clare, personaggio immaginario morto dopo una battaglia persa in una guerra altrettanto immaginaria tra Inghilterra e Brasile. Il generale, secondo la versione ufficiale, sarebbe stato impiccato dal comandante Olivier, destinato a diventare presidente del Brasile. Ma padre Brown sente puzza di bruciato, e infatti arriva a ricostruire una verità del tutto diversa. In questi racconti bene e male si mescolano e si confondono, disegnando un mondo costituzionalmente ambiguo, forse esattamente il contrario di quello che la fede di Chesterton, prima cristiana anglicana e poi cattolica, avrebbe dovuto imporre allo scrittore. Ma questi, si sa, sono i miracoli della letteratura.

The adventure of the Speckled Band
0 0 0
Libri Moderni

Doyle, Arthur Conan

The adventure of the Speckled Band = L'avventura della banda maculata ; The adventure of the Abbey Grange = L'avventura di Abbey Grange/ A. Conan Doyle ; [primo racconto] traduzione di Mauro Formaggio ; [secondo racconto] traduzione di Luca Conti

Roma : L'espresso, 2016

La Biblioteca di Repubblica-L'Espresso ; 13

Abstract: Presentiamo qui due difficili casi di Sherlock Holmes, il genio della logica deduttiva nato dalla penna di Arthur Conan Doyle. In "The Adventure of the Speckled Band" la giovane Helen Stoner si rivolge a Holmes perché strane cose succedono nella casa di campagna che, dopo la morte della madre, divide con il patrigno. Due anni prima la sorella Julie, che stava per sposarsi, le aveva riferito di strani fischi sordi che avvertiva nel cuore della notte, finché una notte aveva farfugliato di una banda maculata per poi spirare. E anche Helen, pure lei in procinto di sposarsi, ha udito nella notte un fischio sordo. Holmes decide di recarsi immediatamente sul luogo: dopo un'attenta ispezione, comprende che un terribile delitto sta per compiersi, ma riesce a tendere all'assassino una trappola... In "The Adventure of the Abbey Grange" la vittima è il ricchissimo Sir Eustace Brackenstall, che giace sul pavimento della grande sala da pranzo della sua grande casa, col cranio spaccato da un violento colpo di attizzatoio. La giovane e bella moglie australiana, sposata da appena un anno, presenta vistose tumefazioni al volto e fornisce una versione dei fatti apparentemente inattaccabile, che attribuisce il delitto a tre criminali introdottisi per commettere un furto. Ma Holmes non si ferma alla testimonianza della donna e seguendo indizi minimi dà inizio alla mirabolante avventura dell'intelletto che lo porta indefettibilmente a scoprire la verità.

Youth
0 0 0
Libri Moderni

Conrad, Joseph

Youth = Giovinezza ; The informer = L'informatore / Joseph Conrad ; traduzione di Mauro Formaggio [di Youth]; traduzione di Elisabetta Querci [di The informer]

Roma : L'Espresso, 2016

Short stories ; 1

Abstract: Presentiamo qui due racconti di Joseph Conrad, che solo a un primo sguardo sembrano appartenere a due filoni completamente separati della produzione dello scrittore. Youth (1898) è la rievocazione del primo viaggio di Marlow come secondo ufficiale su un vecchio brigantino partito da Londra per Bangkok. L’entusiasmo del protagonista, la sua voglia di conoscere e sperimentare, vengono subito messi alla prova da una serie di circostanze sfortunate. The Informer (1906) ha tutt’altra ambientazione e intreccio: si svolge a Londra e ha una trama spionistica. L’io narrante, un esteta che disprezza la violenza, si ritrova per caso a confrontarsi con un intellettuale dalla doppia vita, brillante giornalista e segreto manovratore di trame anarchiche, che gli parla della trappola tesa a un informatore al servizio delle polizie di mezza Europa... Ma per quanto protese su orizzonti vastissimi o su scenari mondiali, le opere di Joseph Conrad riconducono infine ai “difetti d’essere” dell’uomo, ai suoi deliri metafisici: l’accento è sempre su ciò che accade all’interno di una natura umana che tenta di esorcizzare le zone buie che continua a scorgere in sé, ma infine costretta ad arrendersi proprio a quel buio, all’indecifrabilità del suo essere e del suo destino. Ed è per questo che l’opera di Conrad continua ad affascinarci e commuoverci, al di là delle avventure che ci racconta.

The three strangers
0 0 0
Libri Moderni

HARDY, Thomas

The three strangers = I tre sconosciuti ; An imaginative woman = Una donna di immaginazione / T. Hardy ; traduzione di Elisabetta Querci e Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2016

Short stories inglese-italiano ; 20

Abstract: Il primo racconto di Thomas Hardy qui presentato, The Three Strangers (1883), costituisce una sorta di godibilissimo divertissement, insolito nella produzione dell'autore. Una casa isolata nella campagna inglese; una sera di pioggia torrenziale: è questa l'ambientazione della festa danzante data da un pastore per il battesimo della figlia. Durante la serata bussano però, uno dopo l'altro, tre viandanti fradici in cerca di riparo: il primo, di poche parole, si accontenta di asciugarsi vicino al camino e fumare la pipa; il secondo, molto più chiassoso e incline alle bevute, intona una canzone con cui rivela di essere un boia che deve impiccare un ladro di pecore; il terzo dà segni di grande agitazione e fa dietrofront chiudendosi la porta alle spalle. Si innesca così una girandola di eventi e di equivoci che riguardano un evaso, con alcune ben costruite "sorprese" finali. Il secondo racconto, An Imaginative Woman (1893), ruota invece attorno ai temi-cardine dell'ispirazione di Hardy, segnata da un pessimismo senza luce di razionalità o progresso. La protagonista è Ella Marchmill, giovane moglie e madre, fanatica della letteratura e autrice di modeste poesie. Durante una vacanza, però, Ella si infatua di un poeta di una certa notorietà, che non riesce mai a incontrare ma che si illude di conoscere leggendone i libri e vivendo nelle sue stanze. Quando apprende da un giornale che il poeta si è ucciso, Ella si convince di essere la donna che avrebbe potuto salvarlo, e ha inizio la rovina...

A meeting south
0 0 0
Libri Moderni

ANDERSON, Sherwood

A meeting south ; Death in the woods / S. Anderson ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo editoriale L'Espresso, 2013

Abstract: In A Meeting South il narratore racconta l’incontro con un poeta del sud degli Stati Uniti, delle sue origini, delle sue esperienze in aviazione durante la prima guerra mondiale. Anderson usa questo personaggio fittizio per creare un ritratto letterario di William Faulkner, fondendo elementi biografici e finzione. Death in the Woods è la storia di una donna anziana, la signora Grimes. La signora Grimes vive ai margini della società e sopravvive con la vendita di uova e utilizzando il ricavato per comprare il cibo per se stessa, la sua piccola famiglia e gli animali nella sua cura. Suo marito è considerato un ladro di cavalli e la coppia è guardata dall’alto in basso da tutti.

Storia  di un  cane
0 0 0
Libri Moderni

Twain, Mark

Storia di un cane ; Alla cura dell'appetito / Mark Twain ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L' Espresso, 2010

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso Short stories ; 35

Abstract: Il 35° volume della collana propone due racconti: "Storia di un cane" e "Alla cura dell'appetito" di Mark Twain. In “Storia di un cane”, a parlare è appunto un cane, o meglio una cagnolina, nata da un pacioso San Bernardo e da una collie molto pretenziosa, capace di stupire il suo auditorio canino con paroloni sentiti dai padroni e da lei ripetuti con sussiego, pur nella pervicace ignoranza del loro significato. Comincia così, su un registro in equilibrio fra la favola e la storia surreale, il primo dei due racconti qui proposti. Più scherzoso, e più implicato nelle mode del tempo, è “Alla cura dell’appetito”. Qui l’io narrante, quasi anoressico, capita in una clinica vicino Vienna specializzata nel far recuperare l’appetito a chi lo ha perduto, e diretta da un amabile ma terribile professor Haimberger. Si è sempre parlato di umorismo come asse portante della produzione di Mark Twain. E certo in questi due racconti di umorismo ce n’è parecchio. Ma c’è anche un’attenta analisi di vizi e virtù della società del tempo, materiale che egli traeva dal vero sottotesto della sua opera, costituito da un’infinita serie di inchieste e indagini serissime sulla vita quotidiana, il sistema sociale, i costumi morali degli americani e di altre popolazioni, che costituiscono l’inesauribile serbatoio sia delle “invenzioni” narrative che delle deformazioni caricaturali della sua scrittura

Chickamauga
0 0 0
Libri Moderni

BIERCE, Ambrose

Chickamauga ; Un cavaliere nel cielo ; Parker Adderson, filosofo / A. Bierce ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2010

Short stories ; 27

Abstract: I tre racconti qui presentati, scritti nell’ultimo decennio del XIX secolo, hanno tutti per tema la guerra civile americana. E tutti e tre, in varie forme, dimostrano i carichi simbolici che quell’esperienza vissuta proiettava sulla scrittura di Bierce. In "Chikamauga" un bambino di sei anni si perde in un bosco, inseguendo immaginari nemici armato di una spada di legno. Decisamente visionario è invece "Un cavaliere nel cielo", storia di una sentinella del Sud che ha deciso di aderire alla causa nordista, e che sorveglia dall’alto un sito da cui il suo esercito dovrà passare l’indomani per sferrare un attacco a sorpresa ai Confederati. Più cerebrale, ma non meno coinvolgente, è "Parker Adderson, filosofo", in cui una spia nordista, infine smascherata, sostiene di notte l’interrogatorio di un generale sudista con inopinata baldanza, certo che sarà impiccato l’indomani mattina.

Il velo   nero  del  pastore
0 0 0
Libri Moderni

Hawthorne, Nathaniel

Il velo nero del pastore ; Mrs. Bullfrog / Nathaniel Hawthorne ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, c2010

La biblioteca di Repubblica-L'Espresso ; 18

Abstract: Ne "Il velo nero del pastore" il protagonista è il pastore Hooper, che un giorno si presenta alla consueta funzione domenicale con un velo nero che gli copre interamente il volto, senza dare spiegazioni a nessuno. E continua a portare il velo sempre, anche quando passeggia, e comunque ogniqualvolta appare in pubblico. La piccola comunità di Milford, nel New England, entra immediatamente in subbuglio per quella stranezza senza risposte, e il velo del pastore diviene ben presto un simbolo funesto, il simbolo di qualcosa che ha a che fare con i più abissali segreti dell’anima, e che per questo inquieta, sconvolge, spaventa. Tutt’altra aria si respira in "La signora Bullfrog", vero e proprio divertissement sul tema dell’inganno, sfruttatissimo dalla novellistica classica, da Chaucer a Boccaccio, e qui riprodotto nella vicenda di un merciaio che sposa una bellissima ragazza, salvo accorgersi dopo, per un fortuito incidente, che non è proprio bella e dolce come pensava. Tuttavia la donna gli rivelerà che è pronta a investire nella merceria del novello sposo i cinquemila dollari ricavati da una causa per una precedente rottura della promessa di matrimonio, e lui si accomoderà ben felice alla sicura prospettiva di un inferno futuro.

La tomba
0 0 0
Libri Moderni

LOVECRAFT, H. P.

La tomba ; Nella cripta / H. P. Lovecraft ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L' Espresso, 2010

Short stories ; 32

Abstract: Storie di finzione, ambedue. Ma l’angoscia che se ne sprigiona è autentica, pressante, ineludibile. Antesignano della fantascienza, si è detto di Lovecraft. E può essere anche vero, purché ci si limiti a quella fantascienza che altro non è se non una bruciante metafora dell’essere uomini, un travestimento fantastico dell’incubo di esistere, giorno per giorno, in una vita di cui sfugge irrimediabilmente il senso, lo scopo, la destinazione. L’orrore che informa i suoi racconti è esattamente questo: una lacuna incolmabile di significato nel dispiegarsi di forze soverchianti e imperscrutabili, che travolgono senza possibilità di difesa l’esistenza del singolo uomo sperduto sulla terra. La condizione umana, appunto, lo spaesamento che è all’origine di ogni religione o mitologia.

Un fatto accaduto al ponte sull'Owl Creek
0 0 0
Libri Moderni

BIERCE, Ambrose

Un fatto accaduto al ponte sull'Owl Creek = An occurrence at Owl Creek bridge ; La cosa maledetta = The damned thing / A. Bierce ; traduzione di Mauro Formaggio

Roma : Gruppo Editoriale L'Espresso, 2009

La biblioteca di Repubblica.Short stories ; 22

Abstract: Repubblica e L'espresso presentano una collezione di magnifici racconti brevi in inglese e in italiano. Il 22° volume della collana è "Accadde al ponte di Owl Creek ~ La Cosa maledetta" di Ambrose Bierce. "Accadde al ponte di Owl Creek" è del 1891, e ci cala direttamente nel cuore del trauma originario. Ne è protagonista Peyton Fahrquhar, un piantatore ardente sudista e secessionista, proprietario di molti schiavi, che allo scoppio della guerra aiuta come può, da civile, la causa sudista, con azioni di disturbo o di vera e propria guerriglia. Finché una sera...... Tutt’altra la situazione narrata in "La Cosa maledetta", scritto nel 1894. Qui non c’è la guerra, ma c’è un uomo di nome Hugh Morgan trovato morto e orribilmente dilaniato. Prende a poco a poco forma una storia inquietante e misteriosa....