Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Lingue Portoghese
Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto Genere: Politico sociale

Trovati 58 documenti.

Mostra parametri
La vita segreta dei mammuth in Pianura Padana
0 0 0
Libri Moderni

Bregola, Davide

La vita segreta dei mammuth in Pianura Padana / Davide Bregola

Roma : Avagliano, 2017

I corimbi ; 84

Abstract: Una raccolta di episodi letterari in cui i protagonisti, come mammut scampati all’estinzione, calati in un paesaggio tanto surre-ale quanto vero, compiono azioni ingenue o crudeli, sempre immersi nella loro speciale umanità. Giuseppe Pederiali, che lesse questi racconti quando erano ancora inediti, scrisse: “A leggere Davide Bregola viene spontaneo pensare a Zavattini, a Giovannino Guareschi, a Giuseppe Tonna, e a tutti gli altri scrittori della Bassa che hanno contribuito a disegnare i confini di questo paese, confini visibili soltanto attraverso la narrativa. Un paese antico, raccontato anche dagli antenati, a cominciare da Teofilo Folengo e Giulio Cesare Croce. Ma com’è oggi la Pianura Padana, e più precisa-mente la Bassa? I divertenti e originali episodi di Davide Bregola la mettono a fuoco con precisione e sana cattiveria: la natura piegata con violenza alle esigenze dell’industria a tutti i costi e della agricoltura meccanizzata e disciplinata al punto che non si trova un rovo o un’ortica; gli uomini che faticano a riconoscersi in una cultura sbrindellata e con radici che succhiano veleni. Nonostante tutto, in un paesaggio da glaciazione tiepida, si aggirano rari e splendidi mammut: uomini, donne, ragazzi, forse, in via di estinzione, ma consapevoli della storia naturale di ieri e del piacere di vivere in questo posto”. Gente della Pianura raccontata attraverso una scrittura che sorprende per la straordinaria visionarietà.

La razza superiore
0 0 0
Libri Moderni

Schiraldi, Vittorio

La razza superiore : alle origini del razzismo che divide l'Europa / Vittorio Schiraldi

Novara : Bookme, 2017

Abstract: Sapevate che in America all'inizio del Novecento migliaia di donne provenienti dai Paesi dell'Est europeo furono sterilizzate per timore che i loro figli potessero inquinare la razza pura americana? E che quelle leggi, definite di "igiene razziale", avrebbero ispirato le persecuzioni contro gli ebrei e altre minoranze più tardi promosse da Hitler in Germania? Siete a conoscenza delle orribili torture che i soldati della Force Publique olandese infliggevano agli indigeni congolesi adibiti alla raccolta del caucciù ogni volta che i risultati delle loro fatiche venivano giudicati deludenti? Questi e altri episodi storici si intrecciano alle vicende dei protagonisti della nuova opera di Schiraldi, in un viaggio narrativo alle origini del razzismo che oggi divide l'Europa e anima la politica anti immigrazione di Donald Trump

I rifugiati
0 0 0
Libri Moderni

Nguyen, Viet Thanh

I rifugiati / Viet Thanh Nguyen ; traduzione diall'inglese di Luca Briasco

Vicenza : Pozza, 2017

Bloom ; 123

Abstract: «In un paese dove i beni di proprietà erano l'unica cosa che contasse, non avevamo niente che ci appartenesse, a parte le storie». Così suona un passo contenuto in uno dei magnifici racconti di questo libro che Viet Thanh Nguyen ha voluto dedicare ai «rifugiati sparsi in tutto il mondo». È l'affermazione di una giovane vietnamita, la cui infanzia, in fuga dagli orrori della guerra, è stata segnata dalla drammatica esperienza di un barcone alla deriva e dalla morte del fratello ragazzino. A un certo punto della sua adolescenza negli Stati Uniti, la donna si imbatte nell'esperienza propria di ogni rifugiato: scoprire di non possedere niente, se non le storie, raccontate dai genitori o serbate nel proprio personale ricordo, che mostrano l'impossibilità di voltare le spalle al passato, alle persone e alle cose del vecchio mondo perduto. Come «indumenti abbandonati dai fantasmi», esse riaffiorano inevitabilmente. L'impossibilità dell'oblio che, come un macigno, pesa sulla necessaria ricerca di nuove identità ed appartenenze attraversa da cima a fondo tutte le storie narrate in questo libro. Dal giovane Liem che non riesce più a riconoscere sé stesso nell'istante in cui apprende davvero che cosa significa a San Francisco dire di due maschi che sono una coppia «in senso romantico»; alla proprietaria del New Saigon Market che nella sua bottega, uno dei pochi posti a San Jose dove i vietnamiti possono acquistare il riso al gelsomino e l'anice stellato, vede riapparire i fantasmi della guerra nella persona della signora Hoa, ossessionata dall'idea della vendetta nei confronti dei comunisti che le hanno ucciso il figlio; a James Carver, nero cresciuto in Alabama, che a Quàng Tri, in Vietnam, scopre di aver generato una figlia fuori posto in «un mondo deciso ad assegnare a ciascuno il posto che gli spetta», l'inquieta ricerca di una nuova identità da parte di uomini con «due facce e due menti diverse», già oggetto delle pagine de "Il simpatizzante", riemerge con chiarezza in quest'opera.

Nel paese del re pescatore
0 0 0
Libri Moderni

DIDION, Joan

Nel paese del re pescatore / Joan Didion ; traduzione di Sara Sullam

Milano : Il saggiatore, 2017

La cultura ; 1088

Abstract: Un'ereditiera californiana viene rapita dall'Esercito di liberazione simbionese, diventa l'amante di uno dei terroristi e terrorista lei stessa, poi sposa la sua guardia del corpo e va a vivere con figli e cani in una casa finto-spagnola iper-blindata. Una banchiera d'affari di Manhattan mentre fa jogging a Central Park viene aggredita da sei adolescenti neri e ispanici, stuprata, torturata con dei rami e ridotta in fin di vita. E lui, il Re pescatore, il presidente nello Studio Ovale, Ronald Reagan, il custode del Graal ignaro del mistero della comunione, fa cadere l'ostia nel calice del vino consacrato e la lascia lì a galleggiare. Joan Didion compie un'altra incursione sul palcoscenico degli Stati Uniti e, spaziando da Los Angeles a Washington a New York, racconta una geografia impazzita, personaggi grotteschi, un affresco bizzarro, paradossale e psichedelico dell'America contemporanea: è un viaggio coast-to-coast in cui a ogni tappa l'autrice svela le narrazioni mitiche che sfuggono all'occhio dei comuni osservatori, decostruisce le fantasie dei media e affronta senza remore ogni verità, anche la più brutale. Ne risulta un infuocato reportage in prosa lirica, un amalgama abbacinante di scetticismo e compassione; l'ennesima prova della capacità di Joan Didion di catturare lo spirito del tempo. "Nel paese del Re pescatore" è un'opera in cui i lettori di Joan Didion ritrovano i tratti distintivi dei suoi romanzi e memoir: lo sguardo limpido come acqua artica, l'intelligenza tra le più raffinate e insieme corrosive, lo stile denso e terso, l'inconfondibile eleganza, il piacere letterario unito alla scabrosità giornalistica, la capacità di cogliere un dettaglio e trasformarlo in emblema.

Meccanoscritto
0 0 0
Libri Moderni

Collettivo MetalMente

Meccanoscritto / Collettivo MetalMente ; con Wu Ming 2 e Ivan Brentari ; con un racconto di Luciano Bianciardi

Roma : Alegre, 2017

Scritture resistenti

Abstract: Questa storia inizia in un archivio speciale di una città particolare. È il 2012 quando Ivan Brentari spulcia falcioni all'Archivio del lavoro di Sesto S. Giovanni, la "Stalingrado" d'Italia. Tra le scartoffie, spunta una risma di carta velina. Comincia a leggere e... no, non sono comunicati stampa o verbali di assemblee. Sono racconti, scritti da metalmeccanici, per un concorso della Fiom di Milano. Indetto nel 1963, al termine di un triennio di lotte, le prime vittorie dei lavoratori dopo la Liberazione. Racconti mai pubblicati, rimasti nella polvere per cinquant'anni, nonostante una giuria composta da Umberto Eco, Franco Fortini, Giovanni Arpino e Luciano Bianciardi. Ivan pensa che di racconti del genere ce ne sarebbe ancora bisogno: scritti dagli operai, senza filtri da giornalisti e false rappresentazioni. Nasce così il collettivo MetalMente, grazie a un laboratorio narrativo animato da Wu Ming 2 e da un gruppo di lavoratori iscritti alla Fiom. Ma a differenza del 1963, la scrittura è collaborativa, a più mani, per reagire a un mondo del lavoro così frammentato e precario da creare solitudine. Ne risulta un libro intessuto come una treccia. Tre filoni che si alternano tra di loro, disvelando vicende vere e di fantasia. Uomini, tempi e narrazioni saltano gli uni dentro agli altri, si mescolano, si confondono. Ci sono i racconti del '63 - compreso quello di Bianciardi, da cui nacque l'idea del concorso -, quelli collettivi del 2015 e le infrastorie di entrambe le epoche, scritte impastando documenti originali, dialoghi, aneddoti e testimonianze. Il risultato è un romanzo storico ipercollettivo, che racconta, dal punto di vista dei metalmeccanici, la trasformazione del mondo del lavoro.

Perle alla luce del giorno
0 0 0
Libri Moderni

LIEBRECHT, Savyon

Perle alla luce del giorno / Savyon Liebrecht ; traduzione dall'ebraico di Alessandra Shomroni

Roma : E/O, 2017

Dal mondo. Israele

Abstract: Una giovane donna soldato viene assegnata come insegnante in una classe difficile ed è costretta a scappare in lacrime. Una pediatra canadese ritorna nel suo povero villaggio natale in Israele per organizzare un centro per bambini autistici. A Gerusalemme una donna ultraortodossa visita il figlio omosessuale nell'ospedale dov'è in fin di vita, dopo anni di lontananza. Un bambino russo che ha perso i genitori riesce a sopravvivere nelle strade di Tel Aviv. Una turista israeliana va alla ricerca in Italia della donna rom che l'aveva salvata ad Auschwitz. Una donna polacca che ha preso possesso della casa di una famiglia di ebrei deportati lotta tutta la vita con il senso di colpa. Tredici storie percorse da una vena di tristezza in cui i protagonisti, nella maggior parte dei casi, sono persone emarginate alla ricerca di riscatto.

L'accusa
0 1 0
Libri Moderni

Bandi

L'accusa / Bandi ; traduzione di Manuela Maddamma

Milano : Rizzoli, 2017

La scala

Abstract: Bandi («lucciola») è lo pseudonimo di un scrittore nordcoreano, membro dell'organizzazione ufficiale degli autori del regime. I racconti contenuti in questo libro, scritti nell'arco di oltre vent'anni, dopo lunghe peripezie hanno superato una delle frontiere più chiuse del mondo, nascosti tra le pagine di alcuni volumi di propaganda comunista, per essere poi pubblicati nel 2014 in Corea del Sud. Bandi, invece, ha scelto di restare e di dare voce, segretamente, al dolore e alla sofferenza di un popolo ridotto al silenzio dalla dittatura. I suoi racconti diventano quindi delle finestre su un paese pressoché sconosciuto in Occidente, e sulle esistenze dei suoi abitanti, segnate dalla miseria, dall'assurdità di una burocrazia opprimente, dalla gestione arbitraria del potere, dall'ipocrisia dell'informazione di governo. Incontriamo un uomo che non riesce a tornare a casa per salutare la madre morente, smarrito tra treni che non partono e interminabili controlli; bambini che hanno dato ai loro demoni notturni il volto degli uomini rappresentati negli onnipresenti manifesti di propaganda; anziani schiacciati da una vita di lavoro, fatiche, umiliazioni, paura. Eppure Bandi assume anche lo sguardo ironico e sferzante della satira, e tratteggia la vita quotidiana di un popolo ancora capace di solidarietà e speranza, ancora profondamente carico di umanità.

Cannibalismo in treno
0 0 0
Libri Moderni

Twain, Mark

Cannibalismo in treno / Mark Twain ; a cura di Livio Crescenzi

[S.l.] : Mattioli 1885, 2017

Experience Light

Abstract: Cannibalismo in treno I racconti e gli sketches qui riuniti sono tratti dall’edizione originale di Mark Twain’s Sketches New and Old Now First Published in Complete Form che lo stesso Mark Twain curò nel 1882 per l’American Publishing Company. Nel racconto che dà il titolo alla raccolta un viaggio in treno assume aspetti paradossalmente agghiaccianti, con un’accorta manipolazione della progressione di effetti nel mistero. Il racconto II celebre ranocchio saltatore della Contea di Calaveras è invece un esempio di storia “esagerativa”, in cui Mark Twain eredita la tradizione orale della letteratura della Frontiera. Come spesso accade con Twain, ecco alcuni classici esempi di quello che si potrebbe definire uno smantellamento del razionale, attraverso una strategia dell’immaginario e del grottesco.

Lo spiraglio
0 0 0
Libri Moderni

Milani, Nelida

Lo spiraglio / Nelida Milani

Nardò : Besa, 2017

Nadir ; 68

Abstract: Il 10 febbraio del 1947, con il Trattato di Parigi, l'lstria diventava, a tutti gli effetti, territorio jugoslavo. A partire da quella data, l’esodo degli italiani che abitavano quelle terre, già iniziato durante il secondo conflitto mondiale, s’intensificò. Ben pochi rimasero ad abitare città, villaggi e terre che per secoli erano stati casa comune e segno d’identità, e per quei pochi iniziò una vita non facile. Nei racconti della raccolta Lo spiraglio, Nelida Milani torna a narrare l'lstria dei “superstiti”, delle serrande chiuse e delle finestre abbassate per sempre, l'lstria della confusione e dello smarrimento, ma anche della convivenza e della molteplicità di lingue. Dopo il successo di Bora, la scrittrice delinea con il tratto fine e delicato che le è proprio un mondo spesso dimenticato e rinnegato, attraversando gli anni e i decenni, traghettando lungo gli esiti della storia le vite di quanti hanno abitato, con fiducia e abbandono, una terra contesa all’incrocio di due mondi.

Racconti partigiani
0 0 0
Libri Moderni

Verri, Giacomo

Racconti partigiani / Giacomo Verri

Milano : Il Sole 24 Ore, 2016

Racconti d'autore. Nuova serie

Abstract: Storie di uomini e donne che hanno lottato per la Libertà. "Racconti partigiani" narra le fatiche, gli strazi, ma anche le vittorie e le gioie che hanno dato vita alla Resistenza Italiana. Un lungo viaggio nell'epopea partigiana, nei pensieri di chi ha combattuto per la libertà, nelle speranze di uomini e donne, ragazzi e ragazze, nei dubbi e nel dolore di chi la guerra l'ha vista appoggiarsi alla propria pelle o invadere le proprie carni senza sconti e senza clamore. Un libro che salva le storie di persone semplici come Augusto, Aldo, Gino, Vincenzo, Dora, Claudia, il piccolo Sebastiano, don Gianni, e il Manta, Urlo, Boezio, Mughetto, Dente, Strepito, tutti partigiani che hanno assistito al passaggio tumultuoso degli eventi, che hanno resistito all'invasore, giorno dopo giorno, per due gelidi inverni, in montagna, tra rocce e valli e nevi bianchissime macchiate di sangue. Racconti calati direttamente in quei giorni tremendi e straordinari, un ventaglio di storie che dal presente osservano il passato, esattamente settant'anni dopo, per non dimenticare. Un libro omaggio ai Partigiani, nel settantesimo della Liberazione d'Italia.

Nel gommone
0 0 0
Libri Moderni

GURRADO, Lello

Nel gommone / scritto da Lello Gurrado

Milano : Edizioni del Gattaccio, 2016

Abstract: Sette storie grottesche, antirazziste, assolutamente improbabili ma capaci di succedere da un momento all'altro. O che già accadono, in questo dove e in questo istante, invisibili solo al nostro occhio pigrissimo. Situazioni, personaggi, citazioni ed accadimenti ossimorici e paradossali... in grado però di provocare il cortocircuito delle opinioni e dei telegiornali. Storie divertenti, castigatrici, dissacranti per riflettere su tremende tragedie quotidiane. In piena fedeltà con il detto latino Castigat ridendo mores. Ridere e pensare insieme. Che roba!

Crocevia
0 0 0
Libri Moderni

Tatsumi, Yoshihiro

Crocevia / Yoshihiro Tatsumi

Roma : Coconino Press, 2016

Abstract: Sei racconti per un unico affresco dai toni crudi e scabrosi, poetici e malinconici. Yoshihiro Tatsumi porta al centro della scena le solitudini, le sconfitte, la silenziosa deriva dei reietti nella metropoli giapponese degli anni '60. Una voce asciutta ed essenziale, densa di dolente umanità, schierata dalla parte delle vittime di una società soffocante.

Stella rossa
0 0 0
Libri Moderni

Mellini, Stefano

Stella rossa / Stefano Mellini

Milano : Il Sole 24 Ore, 2016

Abstract: Stella Rossa è la squadra di calcio di un quartiere popolare, una squadra perdente, di terza e ultima categoria. Sul campo da calcio, i ragazzi della Stella Rossa giocano per dimenticare quella periferia rabbiosa in cui le loro vite si snodano ai margini della legalità, fra carcere, droga e risse di quartiere. Ma a metà di un campionato nel quale Stella Rossa comincia sorprendentemente a vincere, ad Hamir, immigrato marocchino e leader della squadra, non viene rinnovato il permesso di soggiorno. Il ragazzo viene rinchiuso nel Centro di permanenza temporanea della città. Alcuni dei componenti della squadra decidono allora di liberarlo con la forza, e sarà questa per Stella Rossa la vera occasione di riscatto.

Intorno al mondo
0 0 0
Libri Moderni

Mauvignier, Laurent

Intorno al mondo / Laurent Mauvignier ; traduzione di Yasmina Mélaouah

Milano : Feltrinelli, 2016

I narratori

Abstract: La forza d'impatto di una bomba. La stessa sensazione sospesa di uno spostamento d'aria. Di qualcosa di potente. Fin dalle pagine dell'inizio, quando due giovani amanti, ubriachi di mezcal in uno sperduto villaggio sul mare, sono sorpresi dallo tsunami. Mentre il Giappone è scosso dal maremoto, intorno al mondo la vita scorre, la vita continua, le persone si amano, si lasciano, si fraintendono, cercano, trovano o non trovano, tengono insieme alla bell'e meglio i pezzi delle loro fragili vite. E sono quattordici storie, in quattordici punti del mondo, perfette come certi romanzi o certe serie inglesi o americane. Il giorno del terremoto in Giappone, ai quattro angoli del pianeta, da Mosca a Dubai, dalla Florida al Mare del Nord, dalla Tanzania alla Slovenia, l'autore coglie segmenti di vite lontano da casa: persone perlopiù in vacanza, safari, crociera, ma anche persone lontane da casa perché costrette a lavorare in un paese più florido del proprio, persone che si sono messe in viaggio per raggiungere qualcosa o qualcuno - un fratello, una rivincita, un colpo di fortuna, una città che amarono da ragazzi. Persone che mentre la terra si sconquassa in Giappone sperimentano, in una specie di geologia interiore, uno sconquasso nelle proprie esistenze, come se gli spostamenti delle placche terrestri fossero una mostruosa proiezione nell'infinitamente grande di ciò che accade, infinitamente piccolo ma ugualmente devastante, negli animi e nelle vite degli uomini.

Il vessillo britannico
0 0 0
Libri Moderni

Kertesz, Imre

Il vessillo britannico / Imre Kertész ; traduzione e cura di Giorgio Pressburger

Milano : Bompiani, 2016

I grandi tascabili

Abstract: "Tre sorprendenti racconti dello scrittore ungherese Imre Kertész, Premio Nobel per la letteratura nell'anno 2002. L'autore dà voce alle sofferenze del dopoguerra svelando menzogne, viltà, schiavitù volontarie e un astuto, inappellabile, interminabile sopruso. Ma la sua letteratura è rivolta all'uomo, all'osservazione dell'individuo attonito ed esposto a tutto, disperatamente resistente a tutto ciò che è corrotto, marcio, dedito al male. Quella di Kertész è grande letteratura, da vari punti di vista: dei temi, dello stile, del linguaggio e dei meccanismi narrativi. Il suo scetticismo è un vero atto di fiducia nell'umanità." (Giorgio Pressburger)

Brevi incontri con il nemico
0 0 0
Libri Moderni

Sayrafiezadeh, Said

Brevi incontri con il nemico / Said Sayrafiezadeh ; traduzione di Gioia Guerzoni

Torino : Codice, 2016

Abstract: Otto storie dall'America più profonda, quella di Walmart, dei lavori nei fast food, dei ragazzi che partono per il fronte senza credere in nulla. In mezzo a tutto questo, la tenerezza di un amore coltivato nonostante la durezza di vite diverse, accomunate da un solo nemico: la condanna a un lavoro senza speranza, sottopagato, sempre uguale. E così lontano dal Sogno. Rex viene licenziato per aver rifiutato le avances del suo capo, ma non è detta l'ultima parola. Ike cerca il coraggio di chiedere un aumento, ma ha bruciato troppi hamburger sulla piastra e le cose non finiranno bene. Nick ruba nel Walmart in cui lavora merce dozzinale mentre riordina gli scaffali, ma lo fa per far colpo sulla ragazza che ama di nascosto. Luke è al fronte e ci racconta il suo ultimo giorno di missione, il giorno in cui finalmente, per un breve istante, incontrerà il nemico.

Racconti partigiani
0 0 0
Libri Moderni

Verri, Giacomo

Racconti partigiani / Giacomo Verri

Pordenone : Biblioteca dell'Immagine, 2015

Abstract: Storie di uomini e donne che hanno lottato per la Libertà. "Racconti partigiani" narra le fatiche, gli strazi, ma anche le vittorie e le gioie che hanno dato vita alla Resistenza Italiana. Un lungo viaggio nell'epopea partigiana, nei pensieri di chi ha combattuto per la libertà, nelle speranze di uomini e donne, ragazzi e ragazze, nei dubbi e nel dolore di chi la guerra l'ha vista appoggiarsi alla propria pelle o invadere le proprie carni senza sconti e senza clamore. Un libro che salva le storie di persone semplici come Augusto, Aldo, Gino, Vincenzo, Dora, Claudia, il piccolo Sebastiano, don Gianni, e il Manta, Urlo, Boezio, Mughetto, Dente, Strepito, tutti partigiani che hanno assistito al passaggio tumultuoso degli eventi, che hanno resistito all'invasore, giorno dopo giorno, per due gelidi inverni, in montagna, tra rocce e valli e nevi bianchissime macchiate di sangue. Racconti calati direttamente in quei giorni tremendi e straordinari, un ventaglio di storie che dal presente osservano il passato, esattamente settant'anni dopo, per non dimenticare. Un libro omaggio ai Partigiani, nel settantesimo della Liberazione d'Italia.

Serra con ciclamini
0 0 0
Libri Moderni

West, Rebecca

Serra con ciclamini / Rebecca West ; traduzione di Masolino d'Amico

Milano : Skira, 2015

Abstract: Per la prima volta in italiano, viene qui pubblicato il reportage sugli ultimi giorni del Processo di Norimberga scritto nel 1946 dalla giornalista e romanziera Rebecca West, acclamata l’anno dopo “migliore scrittrice al mondo” da “Time”. Con il suo stile asciutto, sarcastico e ricco di immagini paradossali, l’autrice ci permette di “sfiorare” i leader del Nazismo in attesa di una sentenza ineluttabile e di toccare con mano una Germania certamente prostrata dalla guerra ma impegnata con tutte le proprie forze a trovare una catarsi. Rebecca West tornerà altre due volte in Germania, tra il 1949 e il 1954, descrivendone vividamente l’incredibile ripresa economica, nonostante le pesanti costrizioni imposte dai paesi vincitori, i conflitti interni fra gli alleati, i 10 milioni di esuli che si sono riversati sulle sue terre... Emblematicamente, allora, l’anziano giardiniere con una gamba sola, tutto preso dalla sua serra e dalla coltivazione di ciclamini da mettere in commercio, diventa per West il simbolo di questa ripresa: “Era fuggito in un’altra dimensione, in cui il dolore non aveva potere su di lui. Era fuggito nel suo lavoro”. Una rilettura del passato fondamentale per capire la Germania di oggi.

Nessuno ci ridurrà al silenzio
0 0 0
Libri Moderni

Nessuno ci ridurrà al silenzio / Alessandro Berselli ... [et al.] ; a cura di Maurizio De Giovanni ; testimonianze e interviste di Luca Cavallero ... [et al.] ; prefazione di Sandra Fabbri Monfardini ; postfazione di Sandra Fabbri Monfardini e Elisabetta Chellini

Villaricca : CentoAutori, 2015

Abstract: Sono storie di vita e dolore quelle che gli scrittori di quest'antologia ci raccontano, i cui protagonisti sono paesi, lavoratori, casalinghe, bambini che hanno subito sulla propria pelle le conseguenze dell'esposizione diretta e indiretta alle polveri dell'amianto e altre sostanze inquinanti e che ci chiedono con forza di non tacere... La Polvere è sottile, quasi invisibile. S'insinua nei polmoni, nelle viscere del tuo corpo, senza che tu te ne accorga. Con calma, senza fretta. Poi, dopo molti anni, compare un dolore, una fitta. È il segnale che "qualcosa" si sta impadronendo del tuo corpo. I dottori lo chiamano mesotelioma della pleura, i comuni mortali un tumore. E ha una sola causa: l'amianto. La tua vita, e quella dei tuoi cari, è sconvolta.

Varianti di un autoritratto
0 0 0
Libri Moderni

Manea, Norman

Varianti di un autoritratto : racconti / Norman Manea ; traduzione di Anita Natascia Bernacchia e Marco Cugno

Milano : Il Saggiatore, 2015

La cultura ; 895

Abstract: L'incubo del campo di concentramento, visto dagli occhi sbigottiti di un bambino; il difficile ritorno alla vita quotidiana nella Romania del dopoguerra, sotto un regime inquisitorio e ridicolo insieme; la maturità solitaria in cerca di speranza e salvezza dallo spazio angusto di un'altra dittatura. È questo l'orizzonte esistenziale dei racconti di Norman Manea. La persecuzione razziale, il conflitto, il senso perduto degli eventi e dei legami umani pongono lo scrittore in una dimensione spirituale di esilio, riflesso di quello simmetrico che lo portò, a soli cinque anni, a essere rinchiuso in un lager in Ucraina perché ebreo, e che da adulto, vittima del regime comunista, lo costringerà a emigrare negli Stati Uniti. Ma dal caos e dalla disperazione, talvolta, può nascere il riscatto: bagliori di speranza, gesti di sfida, momenti di epifania poetica costellano la raccolta di Manea. Avvolti da cupe atmosfere kafkiane, ma sempre venati da un'inconfondibile ironia yiddish, i racconti si riuniscono in un solo vivo organismo grazie alla scrittura di Manea. Nel vortice continuo e inestricabile delle immagini, il dato biografico si intreccia alla Grande Storia, mentre l'autore si fa interprete del dramma umano dello sradicamento, fisico ed emotivo. Come a voler dire: non dimentichiamo le nostre origini, i luoghi natii, la lingua madre, altrimenti saremo ineluttabilmente perduti.