Trovati 1037 documenti.

Mostra parametri
Anche la sofferenza ha la sua data di scadenza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Genti, Francesca

Anche la sofferenza ha la sua data di scadenza / Francesca Genti

Milano : HarperCollins, 2018

Abstract: Una raccolta di folgoranti istantanee sul variopinto e volubile mondo femminile. Perché la donna, a qualsiasi età, è in costante mutamento emotivo e ha tante cose da raccontare: dai sentimenti travolgenti e contrastanti alle passioni irrefrenabili e consolatorie, dai desideri di realizzazione personale e professionale ai pensieri che si aggrovigliano nella mente e cercano una via d'uscita (che non sempre trovano). Francesca Genti adora osservare le donne che incontra ogni giorno e trasformarle in poesie. Un percorso originale, dolce e amaro, e umorale come le sue protagoniste, da leggere saltando da una pagina all'altra in cerca di piccole verità che fanno sorridere e riflettere

Il mare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Piumini, Roberto

Il mare / Roberto Piumini ; disegni di Paolo d'Altan

Roma : Gallucci, 2017

Universale d'Avventure e d'Osservazioni

Abstract: La Terra, forse, dovrebbe chiamarsi Mare: il pianeta Mare, con isole di terra. Il Mare non è solo immenso: è immensamente mobile, variabile, vivo, profondo, fertile, avventuroso. È dal Mare, con giocosa capriola, che comincia la parola Meraviglia. Al Mare, sul quale si muovono le storie e le memorie del mondo, Roberto Piumini dedica questa raccolta di poesie, che i disegni di Paolo d'Altan accompagnano con tratto leggero. Età di lettura: da 5 anni.

Tentazioni d'armonia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Esposito, Hugo Salvatore

Tentazioni d'armonia / Hugo Salvatore Esposito

[S.l.] : Ass. Cult. TraccePerLaMeta, 2017

Indaco. Poesie ; 196

Abstract: L'autore trasmette pensieri e riflessioni, a volte anche crepuscolari, senza mai banalizzare, con parole che ci pongono davanti al fatto compiuto: "posso sfuggire a me stesso solo se accarezzo quello sguardo svanito come lampo di una visione", "rapire e imprigionare la mente in sussulti precari per espellere la dolce amarezza dei giorni trascorsi" e qui tutto si ricompone come un puzzle, l'amarezza patita si addolcisce e anche gli ultimi sussulti si placano. Il poeta sperimenta nuovi linguaggi comunicativi facendo valere il suo status di scultore, giocando con le forme che si animano, i colori del quotidiano, proponendo al lettore la chiave per la decodifica del messaggio spesso sottaciuto "come un fiore nudo senza petali", ove la nudità è rappresentata dall'artista stesso che per proporre il suo pensiero si spoglia di preconcetti e si dona al giudizio del mondo. Come un attento cronista annota e rimanda in versi una cronaca che ogni giorno vede consumarsi una tragedia via l'altra, mentre l'osservazione questa volta si focalizza sulla natura e si contrappone a un quotidiano inadeguato: "scoprire l'essenza e ignorare l'esistenza e la fine di fiori, trasformare il caduco in eterno".

I fiori del male
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baudelaire, Charles

I fiori del male / Charles Baudelaire ; a cura di Gesualdo Bufalino ; con uno scritto di Marcel Proust

Milano : Mondadori, 2017

Oscar classici ; 80

Abstract: Pubblicate nel 1857, le poesie de"I fiori del male" fecero scandalo: frutto in realtà di un'arte sapiente e sottile, difficile e raffinata, con la loro potenza evocativa, profondità tragica e apparente cinismo apparirono oltraggiose nei confronti del gusto convenzionale del tempo e lasciarono i lettori spiazzati davanti all'arditezza di certe descrizioni e all'ostentazione di macabre perversioni. Ben lungi dal rappresentare una semplice provocazione, i versi di Baudelaire, con la loro impietosa opera di scavo nell'animo umano, gettano invece per la prima volta una luce vividissima negli angoli più tenebrosi dello spirito, rivelando il capolavoro di una scrittura passionale e intensa, destinata a rivoluzionare l'essenza stessa della letteratura poetica. Con uno scritto di Marcel Proust.

L'albero della speranza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Arai, Man

L'albero della speranza / Arai Man ; traduzione dal giapponese di Costantino Pes

Roma : E/O, 2017

Abstract: "L'albero della speranza" è la storia dell'ultimo albero rimasto in piedi a Takata-Matsubara, famoso sito naturalistico costiero, in seguito al catastrofico tsunami del 2011. Sulla costa investita dal maremoto trecentocinquanta anni fa era stata piantata una pineta di circa settantamila piante. In seguito al terribile cataclisma la pineta è stata quasi completamente spazzata via, tranne l'albero protagonista di questa storia. Una metafora della vita umana che si confronta con la sciagura e che trasmette un grande messaggio di speranza. Una storia giapponese che, raccontata dall'albero stesso, diventa un messaggio universale. Il testo è accompagnato dalle foto dell'albero e della pineta prima e dopo lo tsunami.

Sulità
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Vita, Nino

Sulità / Nino De Vita

Messina : Mesogea, 2017

La piccola

Abstract: Un nuovo capitolo si aggiunge con questo libro al lavoro poetico e narrativo cui, da molti anni, si dedica Nino De Vita. Sulità, solitudini, si compone di ventiquattro racconti. In ognuno di essi, un personaggio vive una sua solitudine, dolorosa come tutte le solitudini non liberamente scelte. E ancora una volta lo spazio vissuto in cui agiscono i personaggi e i fatti ripresi e raccontati dall'autore è sempre quello di Cutusio e delle contrade vicine.

Haiku
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Geroldi, Silvia - Viola, Serena

Haiku : poesie per quattro stagioni più una / Silvia Geroldi, Serena Viola

Roma : Lapis, 2017

Abstract: Lo scricchiolio delle foglie sotto i piedi, il silenzio della prima neve, il lampo colorato di un fiore nel prato: attimi di meraviglia fotografati dalle parole degli haiku, poesie semplici e immediate che cantano la bellezza delle piccole cose. Un viaggio poetico nella natura. Osservata, vissuta e, infine, immaginata. Età di lettura: da 5 anni.

Milk and honey
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kaur, Rupi

Milk and honey / Rupi Kaur ; traduzione di Alessandro Storti

Milano : TRE60, 2017

Abstract: Milk and honey è una raccolta di testi di amore perdita trauma violenza guarigione e femminilità si divide in quattro capitoli ognuno persegue un obiettivo diverso tratta una sofferenza diversa guarisce un dolore diverso milk and honey accompagna chi legge in un viaggio attraverso i momenti più amari della vita e vi trova dolcezza perché la dolcezza è dappertutto se solo si è disposti a cercarla

Ti voglio bene
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sole, Francesco

Ti voglio bene : #poesie / Francesco Sole

Milano : Mondadori, 2017

Abstract: Le #poesie che hanno generato milioni di visualizzazioni sul web diventano un libro: "Da quando ho iniziato a scrivere poesie ho trovato il coraggio di esprimere ciò che provo, senza vergognarmi di condividere gli aspetti e le sensazioni più forti della mia vita. Proprio attraverso la condivisione ho imparato che siamo tutti contenitori di emozioni. Ciò mi ha permesso di togliere quella maschera che troppo spesso la società ti obbliga a indossare. Abbiamo bisogno di amore, chiarezza, sincerità, felicità e gentilezza. Ed è per questo che vi invito a fare lo stesso. Attraverso queste pagine le mie parole diventano vostre: potete aggiungere versi, decorarle, farne tesoro e poi condividerle con le persone a voi più care attraverso i social network usando #tivogliobene. Vi basterà un click sull'hashtag per riconoscervi negli occhi di qualcun altro."

Cedi la strada agli alberi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Arminio, Franco

Cedi la strada agli alberi / Franco Arminio

Milano : Chiarelettere, 2017

Abstract: Franco Arminio ha raccolto qui una parte della sua sterminata produzione in versi. Ma questa non è un’antologia, è un’opera antica e nuova, raffinata e popolare, un calibrato intreccio di passioni intime e passioni civili. La prima sezione è un omaggio al paesaggio e ai paesi che Arminio racconta da anni nei suoi libri in prosa. La seconda ci presenta una serie di poesie amorose in cui spicca il suo acuto senso del corpo femminile. Dopo i testi intensi dedicati agli affetti familiari, le conclusioni sono affidate a una serie di riflessioni sulla poesia al tempo della Rete. I versi di Arminio sono lavorati a oltranza, con puntiglio e cura, con l’obiettivo di arrivare a una poesia semplice, diretta, senza aloni e commerci col mistero. La sua scrittura è una serena obiezione alle astrazioni e al gioco linguistico, una forma di attenzione a quello che c’è fuori, a partire dal corpo dell’autore, osservato come se fosse un corpo estraneo. L’azione cruciale è quella del guardare: “Io sono la parte invisibile / del mio sguardo”.

Il segreto delle cose
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ferrada Lefenda, María José

Il segreto delle cose / Marìa José Ferrada ; illustrazioni di Gaia Stella ; traduzione di Marta Rota Nùnez

Milano : TopiPittori, 2017

Parola magica

Abstract: Le cose dormono, sognano piccoli sogni e si svegliano. A volte si mettono persino a parlare ed è una lingua che sembra un ronzio o un battito di ciglia. Per questo nella casa c'è un segreto. Età di lettura: da 5 anni.

Divina Commedia di Dante Alighieri per bambini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Levente Tani, Tommaso - Seriacopi, Massimo

Divina Commedia di Dante Alighieri per bambini = Divine Comedy by Dante Alighieri for kids / versi riassuntivi di Massimo Seriacopi ; illustrazioni di Tommaso Levente Tani

Firenze : Mandragora, 2017

Abstract: Questa Divina Commedia è un adattamento del capolavoro di Dante Alighieri, reso semplice e comprensibile per i bambini. Un modo di avvicinare anche i più piccoli alla grande letteratura, trasformandola in un'avventura appassionante. Grazie al lavoro dei due autori, immagini e testo diventano uno strumento per trasmettere contenuti complessi e avvicinare, incuriosire e aprire la strada alle letture che verranno. Gli autori hanno scelto i "momenti" e i concetti considerati fondamentali per la raffigurazione compiuta del pellegrinaggio nel mondo della dannazione, della purificazione e della beatitudine e tradotti in immagini e versi endecasillabi - ma senza rima, una scelta che altrimenti rischiava di banalizzare il lavoro. Simboli, forme, linguaggio, colori trasmettono il poema dantesco e la cultura di quell'epoca in modo rispettoso e allo stesso tempo giocoso, così da raggiungere la comprensione, la fantasia e la forza immaginativa dei bambini. Il testo inglese raddoppia l'operazione culturale e comunicativa del volume. Età di lettura: da 7 anni

Silvia, rimembri ancora?
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Silvia, rimembri ancora? : le poesie italiane più amate / illustrazioni di Sara Not ; con un'introduzione di Beatrice Masini

San Dorligo della Valle : Einaudi ragazzi, 2017

Abstract: "Ei fu. Siccome immobile, dato il mortai sospiro... La nebbia agli irti colli, piovigginando sale..." Volenti o nolenti, sono scolpite nella memoria. Perché al loro inviolabile altare è stata sacrificata un'ecatombe di giochi irresistibili e di interi pomeriggi di sole. Sono le poesie imparate e recitate - spesso malvolentieri - ai tempi della scuola. Ma che effetto fa rileggerle ad anni di distanza e sentir risuonare intatte e cristalline dal fondo della mente le voci di Dante, Petrarca, Leopardi e D'Annunzio... La poesia non è un bene accessorio, di lusso. È necessaria e non costa nulla, basta la memoria perché sia un possesso per sempre. Questo volume, che raccoglie un'accurata selezione delle più belle liriche della poesia italiana, è per chi vuole riappropriarsi della casa costruita durante l'infanzia, e poi abbandonata, facendosi travolgere da uno struggente amarcord. Ma è anche per chi in quelle stanze non c'è mai stato, e vorrebbe trovarci oggetti nuovi e sorprendenti. Sarà Beatrice Masini a fare gli onori di casa, introducendo la visita con le parole giuste. Età di lettura: da 12 anni.

Pacific Palisades
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Voltolini, Dario

Pacific Palisades / Dario Voltolini

Torino : Einaudi, 2017

L'Arcipelago Einaudi ; 233

Abstract: L'idea è tanto semplice quanto forte: esiste uno scambio di amore e di dolore tra noi e il mondo, tra noi e gli altri, e questo scambio avviene attraverso il muro che ognuno di noi è. Un baluardo che è anche una valvola, un filtro: una palizzata pacifica. Dario Voltolini ha scelto la forma del racconto in versi per compiere insieme a chi legge un viaggio intimo e universale nel tempo e tra le parole. Convocando sulla pagina le persone a lui più care e le loro storie, Voltolini ha immaginato un dialogo tra i vivi e coloro che non lo sono più, facendo emergere una prospettiva nuova: ognuno di noi custodisce dentro di sé, insieme al proprio passato, anche - forse soprattutto - quello di chi ci ha preceduto. Da questo testo, Romaeuropa Festival porterà nei teatri un reading con le musiche di Nicola Tescari diretto e interpretato da Alessandro Baricco.

Volo di versi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Congiu, Ignazio

Volo di versi / Ignazio Congiu

[S.l.] : Tarantola, 2017

One
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Crossan, Sarah

One / Sarah Crossan ; traduzione di Alessandro Peroni

Milano : Feltrinelli, 2017

Up Feltrinelli

Abstract: Grace e Tippi sono gemelle, gemelle siamesi, e la loro vita sta per cambiare. Dopo aver ricevuto per anni l'istruzione scolastica a casa, dovranno avventurarsi nel mondo là fuori, un mondo fatto di sguardi, mormorii e commenti. Troveranno qualcosa di più, a scuola? Potranno trovare veri amici? E l'amore? Quello che né Grace né Tippi possono sapere è che le aspetta qualcosa di ben più grande e grave del compatimento e dello scherno dei compagni. Dovranno fare una scelta straziante, prendere una decisione che potrebbe separarle e cambiare la loro vita come mai avrebbero potuto immaginare... Una storia scritta come una lunga canzone, che parla di identità, sorellanza, amore, e pone la domanda: che cosa significa desiderare, e avere, un'anima gemella?

Fatti vivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Candiani, Chandra Livia

Fatti vivo : 2006-2016 / Chandra Livia Candiani

Torino : Einaudi, 2017

Collezione di poesia ; 445

Abstract: La bambina pugile è tornata. La riconosciamo, la ritroviamo con la sua insonnia, la sua febbrile sensibilità, le sue debolezze e la sua incredibile forza. La seguiamo in un percorso poetico che evoca una sorta di narrazione emblematica. Si parte dalla casa. La vita di una persona emana dagli spazi dove è cresciuta. Portone, finestre, pavimenti, muri, scrivania, frigo, letto e cosi via: la bambina è come diffusa nelle cose, negli oggetti che l'hanno accolta. Poi esce nel mondo e deve inventarsi gli strumenti per percepirlo. Il libro diventa un viatico per «saper leggere le stelle - ma non la grammatica». O forse, più che guardare il mondo con occhi diversi, il passo ulteriore è essere il mondo: essere piuma, essere nuvola, essere luce. Infine c'è chi cade, tutti prima o poi cadono, ma nessuna caduta impedisce di «farsi vivi». Al di là di questo traliccio strutturale, la raccolta è molto fluida e per niente schematica. Nodi irrisolti si alternano e si intrecciano con un'esperienza mistica quotidiana, mite, senza enfasi di spossessione. Quella particolare voce, come d'infanzia, che già abbiamo conosciuto via via nei libri precedenti dell'autrice è ormai un meccanismo ad alta precisione con il quale Chandra Candiani riesce a far affiorare nella maniera più efficace ciò che non è visibile.

Amore a prima vista
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Szymborska, Wislawa

Amore a prima vista / Wislawa Szymborska ; a cura di Pietro Marchesani

Milano : Adelphi, 2017

Piccola biblioteca Adelphi ; 712

Abstract: Si parla molto di amore nelle poesie di Wislawa Szymborska: ma se ne parla con una così impavida sicurezza di tocco e tonalità così sorprendenti che anche un tema sin troppo frequentato ci appare miracolosamente nuovo. «Sentite come ridono - è un insulto» scrive di due amanti felici. «È difficile immaginare dove si finirebbe / se il loro esempio fosse imitabile» - e ad ogni modo «Il tatto e la ragione impongono di tacerne / come d'uno scandalo nelle alte sfere della Vita». Anche parlando d'amore la voce della Szymborska sa dunque essere irresistibilmente ironica: non a caso Adam Zagajewski diceva di lei che «sembrava appena uscita da uno dei salotti parigini del Settecento». Ma sa anche essere, dietro lo schermo della colloquiale naturalezza e dell'ingannevole semplicità, grave e trafiggente, come quando affida a un panorama divenuto ormai intollerabile il compito di proclamare l'assenza («Non mi fa soffrire / che gli isolotti di ontani sull'acqua / abbiano di nuovo con che stormire») o all'amore a prima vista quello, ancor più temerario, di smascherare il caso-destino che ci governa: «Vorrei chiedere loro / se non ricordano - / una volta un faccia a faccia / in qualche porta girevole? / uno 'scusi' nella ressa? / un 'ha sbagliato numero' nella cornetta? / - ma conosco la risposta. / No, non ricordano».

Il sole delle cinque
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Convalle, Stefania

Il sole delle cinque / Stefania Convalle

[S.l.] : Convalle, 2017

Luna

Come uno che passa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bianco, Vito

Come uno che passa / Vito Bianco

Palermo : Torri del vento, 2017

I gelsomini

Abstract: La vita è quella del ricordo. Strana ipotesi, il presente, per non parlare del futuro: un giorno progresso e l'altro apocalisse. Vito Bianco lo sa che la vita è quella del ricordo e che bisogna andare a prenderla dove l'abbiamo lasciata l'ultima volta. Andare: c'è forse discorso senza viaggio? Poesia migrante, la sua; vettoriale: da Sud verso la direzione opposta, perché da un bel po' il vento è girato e il canto giunge dall'Africa. Nella sua rotta tutta verticale avviene l'incontro con "i padri mai stanchi", che vanno à rebours, come gli affaticati e gli insonni: la democrazia degli stati d'animo è l'ultimo spettacolo del mondo. Vito Bianco è andato al Nord, ha lasciato i suoi libri dalle parti di Agrigento: il grave, per ordine di Newton, sta a fondo. Le poesie, lette in sequenza, costruiscono una storia, e dal basso continuo del racconto emergono nitide le immagini di una quotidianità osservata con occhi da straniero: figure femminili "in giacca a vento blu", "una bionda che sbadiglia", "la lana di un pensiero che si smaglia". Poesie urbane, come le tele di Sironi; ma urbane anche nell'accezione di starsene da canto.