Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Inglese
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore PANORAMA
× Soggetto Genere: Commedia
× Materiale Video
× Data 2008
× Soggetto Genere: Biografico

Trovati 2 documenti.

Mostra parametri
When you're strange
0 0 0
Multimedia (kit)

DICILLO, Tom

When you're strange : a film about the Doors / un film di Tom Dicillo ; voce originale: Jonny Depp

Milano : Feltrinelli, [2011]

Feltrinelli real cinema

Abstract: "Come on baby, light my fire" cantava la voce magnetica di Jim Morrison, scintilla di un fuoco che cominciò ad ardere nell'estate del '65 - quando i Doors nacquero a Los Angeles grazie a due studenti di cinema ventenni - e si spense a Parigi un giorno di luglio del '71, creando attorno a un'icona immortale un lutto che milioni di fan in tutto il mondo ancora oggi, dopo quarant'anni, si rifiutano di elaborare. "When You're Strange" è un viaggio di novanta minuti nell'anima profonda del rock, l'incanto di uno straordinario repertorio inedito, il racconto per immagini della band che ci ha dimostrato come la liberazione di ognuno passi anche dalla fisicità, dalla sensualità e dalla forza di eccessi grandi come i sogni che la musica di Jim Morrison, Ray Manzarek, Robby Krieger e John Densmore ha creato. Perché il fuoco di un mito non si spegne mai. Nel libro, la trasposizione integrale del volume" I giorni del caos. Il dossier dell'Fbi su Jim Morrison", di John Delmonico: un appassionante studio sulla vicenda umana e artistica di Jim Morrison, al centro di un interesse costante da parte dell'Fbi e della Cia. Dai numerosi documenti ufficiali e originali riportati nel libro risulta evidente il tentativo dell'establishment americano di quegli anni di arginare un cambiamento epocale, come quello che stava avvenendo tra le nuove generazioni, servendosi più di brutali metodi repressivi che di una strategia politica articolata.

Vinicio Capossela
0 0 0
Multimedia (kit)

CAPOSSELA, Vinicio - Firriolo, Gianfranco

Vinicio Capossela : la faccia della terra : un film / di Gianfranco Firriolo. La faccia della terra : scritti

Milano : Feltrinelli, 2010

Abstract: Attori iniziali del film sono gli strumenti musicali, personaggi del suono, compagni di viaggio. La voce di Capossela ci guida. Si parte dagli interni dell'inverno milanese, finestre che guardano palazzi, tram e cumuli di neve. E la voce parla di loro, gli strumenti: il pianoforte, i fiati, il violoncello, il più arduo e solitario. E poi il viaggio inizia e sempre Capossela ci parla, senza un piano preciso, ma senza mai lasciare cadere il discorso. Si parla di show, di spettacolo e del pericoloso "mettersi in scena". Senza apparenti salti, il viaggio attraversa l'oceano e si apre alla luce dei deserti americani. È un viaggio musicale, ovviamente, si incontrano musicisti, strumenti e canzoni ma soprattutto si incontrano per brevi sguardi, come dal finestrino di un'auto, persone, volti, intere vite raccontate passando. Così si compone la faccia della terra. Infine la domanda: non è l'America, grande scenografia a due dimensioni, baraccone permanente di mostri e miracoli, metafora del nostro destino, invito continuo a giocarci tutto su una scena?