Includi: tutti i seguenti filtri
× Target di lettura Sconosciuto

Trovati 1 documenti.

Mostra parametri
Le discese ardite
0 0 0
Libri Moderni

Pellegrini, Michele

Le discese ardite / Michele Pellegrini

[S.l.] : Galaad, 2014

La quercia e il tiglio ; 14

Abstract: Due alpinisti in disarmo ma senza scrupoli; una coppia di professionisti delle scommesse clandestine e delle gare impossibili; un artista contemporaneo russo e i suoi mecenati, mafiosi moscoviti. Questa la banda, pericolosa e stravagante, che inventa le discese ardite, una nuova disciplina sportiva che consiste nello scendere di corsa e senza protezioni pareti alpie vertiginose, perlopiù sulle Alpi Orobie.. Arrivare in fondo vivi è un esito mai scontato. Fin dall’esordio di questa vicenda è coinvolta Giulia, una forte alpinista bergamasca trentenne, bella e problematica. La ragazza ha vinto le prime gare ma perduto quella in cui aveva puntato su sé stessa tutto il denaro che possedeva insieme alla madre: ma all’insaputa di quest’ultima. Deve perciò rifarsi, presto, assolutamente. I problemi di Giulia sono cominciati quindici anni prima, quando Fabio, il suo primo amore, è annegato nel fiume Oglio sotto i suoi occhi. Insieme a loro c’era Filippo, il fratello minore di Fabio, che ha salvato Giulia ma da allora viene ricordato da lei non come il suo salvatore ma come quello che non ha saputo salvare Fabio. Filippo, oggi, è un ricercatore universitario in neuroscienze, lavora a Trieste e ha un’importante relazione sentimentale con Katia, affascinante imprenditrice agricola che conduce una piccola azienda vitivinicola sui Colli Orientali del Friuli. I due si sono conosciuti qualche anno prima in una clinica di Milano, dove Katia aveva accompagnato la figlia Snežana affetta da una sindrome neurologica che la portava a dormire per la maggior parte del tempo un sonno caratterizzato dal sogno lucido. Filippo stava allora concludendo il dottorato di ricerca e il caso di quella bambina era molto interessante. Nello stesso istituto era ricoverato anche il padre di Giulia. Era stato proprio il vecchio pittore a suggerire alla figlia una visita all’azienda di Katia… Giulia, ormai prossima alla disperazione per diversi motivi, fra cui l’aver dissipato il denaro della madre, ricorda l’enigmatico suggerimento del padre, alla cui placida morte lei sola ha assistito, e parte per il Friuli come chi ormai non può permettersi di trascurare alcun indizio…