L'isola delle anime
3 1 0
Libri Moderni

Holmström, Johanna

L'isola delle anime

Abstract: Finlandia, 1891. Una notte, ai primi di ottobre, una barchetta scivola sull'acqua nera del fiume Aura. A bordo, Kristina, una giovane contadina, rema controcorrente per riportare a casa i suoi due bambini raggomitolati sul fondo dell'imbarcazione. Le mani dolenti e le labbra imperlate di sudore, rientra a casa stanchissima e si addormenta in fretta. Solo il giorno dopo arriva, terribile e impietosa, la consapevolezza del crimine commesso: durante il tragitto ha calato nell'acqua densa e scura i suoi due piccoli, come fossero zavorra di cui liberarsi. La giovane donna viene mandata su un'isoletta al limite estremo dell'arcipelago, dove si erge un edificio, un blocco in stile liberty con lo steccato che corre tutt'attorno e gli spessi muri di pietra che trasudano freddo. E Själö, un manicomio per donne ritenute incurabili. Un luogo di reclusione da cui in poche se ne vanno, dopo esservi entrate. Dopo quarant'anni l'edificio è ancora lì ad accogliere altre donne «incurabili»: Martha, Karin, Gretel e Olga. Sfilano davanti agli occhi di Sigrid, l'infermiera, la «nuova». I capelli cadono intorno ai piedi in lunghi festoni e poi vengono spazzati via, si apre la cartella clinica della paziente, ma non c'è alcuna cura, solo la custodia. Un giorno arriva Elli, una giovane donna che, con la sua imprevedibilità, porta scompiglio tra le mura di Själö. Nella casa di correzione dove era stata rinchiusa in seguito alla condanna per furti ripetuti, vagabondaggio, offesa al pudore, violenza, rapina, minacce e possesso di arma da taglio, aveva aggredito le altre detenute senza preavviso. Mordeva, hanno detto, e graffiava. L'infermiera Sigrid diventa il legame tra Kristina ed Elli, tra il vecchio e il nuovo. Ma, fuori dalle mura di Själö la guerra infuria in Europa e presto toccherà le coste dell'isola di Àbo.


Titolo e contributi: L'isola delle anime / Johanna Holmström ; traduzione dallo svedese di Valeria Gorla

Pubblicazione: Vicenza : Pozza, 2019

Descrizione fisica: 363 p. ; 22 cm

Serie: I narratori delle tavole

EAN: 9788854517059

Data:2019

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Traduttore) (Autore)

Soggetti:

Classi: 839.738 Narrativa svedese. 2000- (0)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2019
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 17 copie, di cui 12 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Settimo 839 HOL SM-59659 In prestito 25/09/2019
Cinisello - Il Pertini Novita 839.73 HOL CB-210956 In prestito 30/08/2019
Cormano 839.73 HOL RC-65886 Su scaffale Prestabile
Baranzate Romanzi e racconti HOLM BA-57010 In prestito 28/09/2019
Rho - Burba 839.73 HOL RH-134044 Su scaffale Prestabile
Paderno - Tilane Romanzi e racconti HOLM PD-109670 Su scaffale Prestabile
Arese Romanzi e Racconti HOLM AR-99115 In prestito 07/08/2019
Cusano Milanino DRAMMATICI-ROSSO.BIANCO 839.73 HOLM CM-86268 Su scaffale Prestabile
Nerviano 839.73 HOL NE-85112 In prestito 18/09/2019
Bollate 839.73 HOL BO-133816 In prestito 02/09/2019
Solaro 839.73 HOL SO-33487 In prestito 26/09/2019
Legnano 839.73 HOL LE-98403 Su scaffale Prestabile
Senago 839.73 HOL SE-57609 In prestito 19/09/2019
Novate 839.7 HOL NO-111599 In prestito 05/09/2019
San Vittore 839.73 HOL SV-22536 In prestito 18/09/2019
Cornaredo 839.73 HOL CD-68783 In prestito 30/08/2019
Parabiago 839.7 HOL PG*-64202 In prestito 09/08/2019
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

un libro affascinante... la follia delle donne che nel secolo scorso faceva rientrare anche la disperazione, le tragedie della vita... devianze emotive e relazionali che venivano etichettate come follia. Donne allontanate dalle famiglie, dagli affetti e considerate come inguaribili, abbandonate in ospedali psichiatrici in balia di personale, infermiere e medici, che non sempre potevano mettere l'umanità davanti a tutto. in questo libro l'autrice dipinge mirabilmente sia la caratteristiche di queste dispetate "folli" ma anche l'umanità delle infermiere che, anno dopo anno, andavano a costruire la loro unica famiglia. Avrei preferito forse un collegamento maggiore tra le varie storie di donne fragili ma profonde. Una lettura preziosa.

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.