Il treno
4 0 0
Libri Moderni

Simenon, Georges

Il treno

Abstract: Maggio 1940. Le truppe della Wehrmacht dilagano in Belgio e minacciano i confini della Francia. Dalle Ardenne, dove è stato promulgato un ordine di evacuazione generale, sciami di profughi lasciano le loro case prendendo d'assalto i pochi treni disponibili. Nel carro bestiame di un convoglio che procede lentissimo verso La Rochelle - e che viene continuamente fermato in piena campagna, parcheggiato per ore su binari secondari, bombardato dagli aerei tedeschi -, un uomo privo di ogni qualità, un uomo mediocre, miope e di salute cagionevole, un uomo con una piccola vita mediocre e mediocremente serena, incontrerà una donna di cui non saprà altro, nelle poche settimane che passeranno insieme, se non che è una cèca di origine ebrea, e che è stata in prigione a Namur. Fra loro, all'inizio del lungo viaggio che li porterà fino alla Rochelle, non ci sono che sguardi, ma un po' alla volta, senza che nulla sia stato detto, le due solitàrie creature diventano inseparabili; finché, durante la prima notte che passano l'una accanto all'altro sulla paglia ammucchiata per terra, confusi fra altri corpi sconosciuti, la donna - ed è una delle scene più esplicitamente erotiche mai immaginate da Simenon - lo attira a sé, si alza la gonna e lo aiuta a entrare dentro di lei. Comincia così una passione amorosa come solo Simenon è capace di descriverne, una passione che li isolerà da tutto ciò che accade intorno a loro (l'occupazione tedesca, i convogli di sfollati, il tendone da circo che li ospita insieme ad altre decine di profughi), chiudendoli in un bozzolo fatto di desiderio e di gioco - e di una scandalosa, disperata, effimera felicità. Per più di vent'anni Simenon, che nel 1940 è stato lui stesso responsabile di un campo di profughi belgi alla Rochelle, è ossessionato dai ricordi della guerra, «argomento terribile e magnifico» di cui, caso più unico che raro, non è riuscito a scrivere a caldo; tant'è che Le trainvedrà. la luce solo nel 1961. Nel 1973 Granier-Deferre ne trarrà un buon film con Romy Schneider e Jean-Louis Trintignant. Di Georges Simenon (1903-1989) è in corso di pubblicazione presso Adelphi la totalità dell'opera; nel secondo semestre 2007 sono apparsi II Presidente, Maigret si confida e Maigret si mette in viaggio.


Titolo e contributi: Il treno / Georges Simenon ; traduzione di Massimo Romano

2. ed

Pubblicazione: Milano : Adelphi, c2007

Descrizione fisica: 146 p. ; 22 cm

Serie: Biblioteca Adelphi ; 518

EAN: 9788845922435

Data:2007

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nota:
  • Tit. orig.: Le train

Nomi:

Classi: 843 LETTERATURA. Letteratura francese. Narrativa (14)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2007

Sono presenti 15 copie, di cui 1 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Bollate 843 SIM BO-106842 Su scaffale Disponibile
Sesto San Giovanni - Marx 843 SIM MX-18443 Su scaffale Disponibile
Solaro MAGAZZINO NARRATIVA 843 SIM SO-24361 Su scaffale Disponibile
San Giorgio su Legnano 843 SIM SG-10105 Su scaffale Disponibile
Bollate - Cassina Nuova 843 SIM CN-27585 Su scaffale Disponibile
Senago 843 SIM SE-36492 In prestito 23/04/2024
Cesate 863 SIM CE-27777 Su scaffale Disponibile
Cusano Milanino EROTICI-ROSA.ROSSO 843 SIME CM-62497 Su scaffale Disponibile
Villa Cortese 843 SIM vc-11077 Su scaffale Disponibile
Arese Romanzi e Racconti SIME AR-55931 Su scaffale Disponibile
Settimo Milanese 843 SIM SM-42048 Su scaffale Disponibile
San Vittore Olona 843 SIM SV-13378 Su scaffale Disponibile
Baranzate Romanzi e racconti SIME BA-47172 Su scaffale Disponibile
Rho - Burba 843 SIM RH-81843 Su scaffale Disponibile
Busto Garolfo 843 .91 BG-22813 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.