HOME » 60x365 reading challenge » Commenti

Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

448 Visite, 25 Messaggi

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

L'INDIZIO di Helen Callaghan (titolo originale Dear Amy)
Thriller psicologico abbastanza carino, lettura semplice e scorrevole. Diventa più interessante nella seconda parte della storia in cui si intuisce anche il finale non per questo banale. Avrei preferito che si approfondisse di più l'aspetto psicologico della protagonista (Margot-Bethan).

Utente 9053
30 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

Ho letto per questa missione "Amo la mia vita" sophie kinsella il cui titolo originale è Love Your Life. Libro leggero, piacevole, scorrevole come la Kinsella sa fare. Non ai livelli dei suoi libri precedenti ma comunque godibile.
Da 0 a 5 stelle? Direi un 3+.

Utente 31674
64 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

La casa delle onde di Jojo Moyes - titolo originale Foreign Fruit

Ambientato in Inghilterra negli anni cinquanta, ha come protagonista Lottie, sfollata di guerra, che viene accolta dalla famiglia Holden a Merham, tranquilla località di mare. La famiglia è composta da padre (medico in crisi con la moglie e con l'amante/assistente che si sta trasferendo), madre (molto attenta alle convenzioni), la figlia adolescente Celia (che desidera una vita più movimentata) e i figli minori Sylvia (arrogante e petulante) e Freddie (il piccolo di casa che si crede un animale). All'improvviso a Villa Arcadia (una villa fatta costruire dal proprietario di ritorno dall'America che voleva che la sua cassa somigliasse a quella delle star del cinema) viene presa in affitto da un gruppo di artisti bohemien che sconvolgerà la vita delle ragazze.....

Utente 6030
58 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

“ I GOLDBAUM” di Natasha Solomons titolo originale "The house of Gold". Molto consigliato, racconta la storia della famiglia Goldbaum, ricchissima famiglia ebrea i cui membri sono banchierei sparsi in tutta Europa. Principalmente viene raccontata la storia di Greta, che dovrà sposare il cugino, come da tradizione famigliare. RIcostruita anche in maniera precisa l'epoca, primi novecento.

Utente 1246
51 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

Terry Pratchett, "L'Arte della Magia" [Equal Rites]
https://webopac.csbno.net/opac/detail/view/csbno:catalog:562344

“Per la prima volta in vista sua la Nonnina si chiese se potesse esserci qualcosa d'importante in tutti quei libri che la gente oggigiorno teneva in gran conto. Lei, però, era contraria ai libri per ragione strettamente morali: infatti aveva sentito che molti erano scritti da persone morte e quindi era logico supporre che leggerli equivaleva alla negromanzia”.

L'ironia predomina nello stile di Terry Pratchett; ho letto tutto il libro con il sorriso e in molti punti mi sono ritrovata proprio a sghignazzare. Lettura piacevole e leggera.
Terzo romanzo di Mondo Disco e primo del ciclo delle Streghe, l'ho trovato interessante non tanto per la storia in sé, quanto per l'umorismo e la grande inventiva. Erano anni che volevo leggere la saga di Mondo Disco, imprescindibile per un friki, e sono molto curiosa di continuare.

“«Prima di sentirlo parlare, ero come tutti. […] Ero confuso e incerto a proposito di tutti i piccoli dettagli della vita. Ma adesso», si rianimò, «mentre sono ancora confuso e incerto, lo sono su un piano molto più alto, capisci? E almeno ho la consapevolezza che sono i fatti veramente fondamentali e importanti dell'universo a rendermi perplesso».
Treatle annuì. «Non avevo considerato la cosa da questo punti di vista, ma hai perfettamente ragione. Quel ragazzo ha davvero allargato i confini dell'ignoranza. C'è tanto nell'universo che noi non conosciamo.»
Entrambi assaporarono la curiosa soddisfazione di essere molto più ignoranti della gente comune, che ignorava soltanto le cose ordinarie.

cagliostro_e
40 posts

"Il mio splendido migliore amico" di A.G. Howard Titolo originale "Splintered"

Si tratta di una rivisitazione vagamente dark della storia classica: “LE AVVENTURE DI ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE”. Protagonista della storia è Alyssa Gardner, propropronipote della più famosa Alice Liddell, costretta a convivere con il peso di questa parentela che alle sue antenate ha creato non pochi problemi: Alice e le sue discendenti di sesso femminile sembrano perseguitate da una maledizione. La stessa Alyssa si rende presto conto che la pazzia derivante dalla sua parentela con Alice sta piano piano facendosi strada dentro di lei facendole avere allucinazioni visive ed uditive, esattamente come successe anni prima a sua madre. Attraverso indizi e suggerimenti si rende conto che per spezzare questa maledizione esiste solo una soluzione: entrare nella tana del coniglio e raggiungere così il Paese delle Meraviglie.
L’ingresso di Alyssa nel Paese delle Meraviglie segna l’inizio di un’avventura in un mondo oscuro abitato da creature bizzarre e affascinanti. In questo viaggio viene accompagnata dal suo migliore amico Jeb, di cui lei è segretamente innamorata. Insieme si troveranno a fronteggiare alcune prove per riuscire in un modo o nell’altro a salvare la vita della stessa Alyssa, e quella di sua madre che da anni vive in un manicomio per i segni evidenti della follia della famiglia Liddell.
La situazione è parecchio complicata e a rendere la situazione ancora più strana è l’inserimento del personaggio di Morpheus, il famoso brucaliffo che svela alla protagonista il loro passato comune, e si impegna, sebbene a modo suo, ad aiutarla nell’ardua impresa.
Alyssa è una protagonista che ha lottato tutta la vita contro le prese in giro dei bulletti e contro il caos che sente nella sua testa, tutto questo l’ha resa un’emarginata con un particolare e macabro interesse nei confronti degli insetti morti che utilizza come strumenti per creare quadri ma al contempo l’ha resa forte, tosta e combattiva.
Ogni dettaglio è una citazione di Carroll rivista in toni gotici, ogni personaggio è trasformato, una bambina come Alice vedeva un coniglio dove c’era solo una vaga somiglianza. L’autrice è riuscita a creare un nuovo mondo, perfetto, con creature e luoghi curati nei dettagli, mantenendo però un ricordo che ti fa dire “Ma questo è il Bruco!”.
Le descrizioni dei luoghi e dei personaggi sono perfette, così vivide da sembrare cinematografiche.
Spero vivamente che i sequel siano all’altezza di questo primo romanzo che mi ha incantata e mi ha fatto rivalutare Alice che da bimbetta stordita si è ritrovata ad avere una discendenza guerriera e determinata.

Utente 82161
48 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

Un cercatore di petrolio (Oil notes) di Rick Bass.
Pensieri liberi con il filo conduttore del geologo alla ricerca di petrolio negli Stati Uniti degli anni '80.

Utente 82161
48 posts

Re: Commenti alla missione 47: un libro con un titolo originale completamente diverso da quello della traduzione italiana

Un cercatore di petrolio (Oil notes) di Rick Bass.
Pensieri liberi con il filo conduttore del geologo alla ricerca di petrolio negli Stati Uniti degli anni '80.

1653 Messaggi in 252 Discussioni di 126 utenti

Attualmente online: Ci sono 68 utenti online