HOME » 60x365 reading challenge » Commenti

Commenti alla missione 35: un saggio

216 Visite, 15 Messaggi
Utente 8423
56 posts

Re: Commenti alla missione 35: un saggio

Realismo Capitalista di Mark Fisher
Trattato molto lucido e vivido su come il Capitale e il Capitalismo siano ormai l'unico modo di vita della nostra società,
dei danni che questo comporta, del non trovare valide alternative a questo modello assodato.
Il tutto parte prendendo spunto da esempi della cultura che ci circonda (film, serie tv, libri, musica), applicato ai vari aspetti della nostra quotidianità: lavoro, istruzione, burocrazia, stato
Idee e spunti interessanti che paiono e sono calzanti alla perfezione a questo modello di vita che ci viene imposto e che ormai accettiamo passivamente ma grati.
Consigliato

Utente 1286
39 posts

Re: LEGGEREVOLARE Commenti alla missione 35: un saggio

Ho letto il saggio di Ilaria Capua IL DOPO che parla del virus che ci ha costretto a cambiare mappa mentale, la scienziata è molto chiara nell'esposizione e ha un atteggiamento pacato e razionale che in questo difficile momento di pandemia in qualche modo rassicura pur non sottovalutando il problema

brisabri
86 posts

Re: Commenti alla missione 35: un saggio

#35. libro di saggistica

La calma – Chuang Tzu
Pag. 179

Chuang Tzu è il padre fondatore della filosofia taoista sulla quale si basano la cultura e la filosofia cinesi.
I testi fondamentali del taoismo sono tre: il Tao Te Ching di Lao-tzu, il Chuang-tzu (o Zhyangzi ) che prende il nome dal suo autore Chuang Chou e il Lieh-tzu.
In questo libro attraverso una serie di racconti, aneddoti, dialoghi filosofici e riflessioni metafisiche tratte dal Zhyangzi, l’autore ci spiega come conquistare la calma dello spirito, raggiungere un stato di pace con se stessi e con il mondo.
È una raccolta di 104 racconti, con protagonisti personaggi storici o inventati, tra cui i maggiori maestri del taoismo come Confucio, Chaung Tzu, Lao-tzu, il maestro Hu-tzu, e imperatori, duca, principi e re cinesi, presentati con uno stile a tratti narrativo e a tratti filosofico, ma basati spesso sull’ironia e sull’umorismo.
Alla base del taoismo c’è il concetto del Tao , ovvero la “Via”, l’essenza prima che costituisce tutte le cose che esistono, la forza che scorre attraverso tutta la materia dell’universo. Il taoista dedica l’intera vita alla ricerca dell’armonia con la natura (il Tao) con l’obiettivo di raggiungere la completezza e l’unione con l’universo.
Si dice infatti che il Tao racchiuda tre grandi qualità che sono l’onnicomprensività, l’universalità e la totalità, termini diversi ad indicare una cosa sola.
Alla base poi della dottrina taoista ci sono anche i due concetti di Yin e Yang, che presiedono alle funzioni del corpo umano. Lo yin e yang sono due concetti opposti: il primo è il principio negativo, corrisponde alla notte e a tutte le funzioni meno attive, al nero, al freddo, all’oscurità. Lo yang invece è il principio positivo, corrisponde alle funzioni più attive, al giorno, al bianco, al caldo e al sole.

L’autore in questo libro muove una critica al mondo delle convenzioni per ritornare ad un senso di spontaneità e unicità del Tao. E come si fa a tornarci? Combattendo la falsa erudizione e praticare la non-azione (detta wu-wei) che non significa non fare nulla, bensì astenersi dalle azioni contrarie alla Natura- Tao e permettere il ritmo naturale delle cose. In questo modo si può raggiungere una quiete interna e una libertà della mente e dello spirito.

Nei diversi racconti si affrontano molti temi che ancora oggi ci interessano come l’inesistenza di uno standard universale di bellezza, l’equivalenza di tutte le cose, il superamento del personalismo, cioè non imporre la propria visione e accettare invece anche pensieri diversi al nostro, il non farsi ingannare dalle apparenze. Alcuni racconti di seguito sono quelli che mi hanno fatto più riflettere.

Nel racconto “La morte della moglie di Chuang-tzu”, Hui-tzu fa visita a Chuang-tzu per fargli le condoglianze per la morte della moglie e trova l’uomo seduto sul pavimento a cantare. Rimane stupito del suo comportamento quasi allegro e gli chiede come è possibile che non sia invece distrutto dal dolore. Chuang gli spiega che superato il dolore ha raggiunto uno stato di calma e accettazione.

In “L’abito non fa il monaco” il duca Ai di Lu è convinto che nel regno ci siano molti dotti in base ai loro abiti ma Chuang-tzu gli spiega e gli dimostra che gli uomini non si possono considerare saggi solo ed esclusivamente dal loro abbigliamento. Così come oggi non si può giudicare una persona e il suo intelletto semplicemente dalle apparenze.

Un altro tema che ricorre anche oggi riguarda la ricerca della felicità nelle piccole cose e non nelle cose grandi e materiali. Nel racconto intitolato “La pienezza della felicità“ si dice così:
“Perciò i saggi antichi, quando le cose andavano bene, non aspiravano alle carrozze ufficiali e ai berretti da cerimonia, e quando si trovavano nella povertà e nelle ristrettezze, (…) la loro felicità era la stessa, perciò non avevano afflizioni. Oggi invece se le cose su cui si fa affidamento vengono a mancare, si diventa infelici” .

Una delle frasi che più mi ha colpito di tutto il libro è sicuramente “Non si guida chi non è disponibile”, come in tutte le cose del resto, se non si è disposti ad ascoltare e a comprendere non si può capire fino in fondo quello che ci viene insegnato.

Come suggerisce il titolo, leggendo questi brani si ha uno stato di tranquillità che porta alla riflessione e ad una sensazione di rilassamento dello spirito e questa calma la si coglie ovunque, non solo tra le righe e i concetti esposti.

Utente 77410
35 posts

Re: Commenti alla missione 35: un saggio

Clima Fukushima di Ilenia Picardi.
L'incidente nucleare di Fukushima è lo spunto dell'autrice per addentrarsi nelle scelte energetiche a basso o alto impatto ambientale e nelle conseguenti alterazioni climatiche a cui stiamo assistendo. Nonostante sia un libro un po' datato offre un'idea chiara e drammatica del cammino che abbiamo intrapreso.

Gin86ger
33 posts

Le cinque donne - Hallie Rubenhold

Nel saggio si analizzano nei dettagli le vite delle cinque vittime canoniche di Jack lo Squartatore, allo scopo di dimostrare che l'etichetta di "prostitute" che è stata loro affibbiata non corrisponde necessariamente al vero. L'Autrice ha condotto un accurato studio del materiale storiografico a sua disposizione, che traspare dalla precisione evocativa con cui descrive la cornice storico-sociale in cui sono avvenuti i delitti e nella quale le vittime sono nate, cresciute e, infine, hanno trovato la morte. Il clima complessivo è piuttosto deprimente e fornisce un ritratto puntuale della vita nel Diciannovesimo secolo in Europa. L'aspetto interessante è che all'effettiva descrizione dei delitti è lasciato uno spazio marginale, dal momento che l'autrice ha scelto di concentrarsi su chi queste donne erano state in vita piuttosto che su come siano andate incontro alla loro macabra fine.
Voto: 9/10.
Link per la prenotazione: https://webopac.csbno.net/opac/detail/view/csbno:catalog:615457

Utente 76664
21 posts

Re: Commenti alla missione 35: un saggio

"Leo Ortolani. Cuore di Rat-Man. Dall'autoproduzione alla Marvel" di Andrea Plazzi
Un saggio che raccoglie interventi e interviste a comici, autori e operatori dell'editoria a fumetti sull'opera di Leo Ortolani, L'autore di serie come Rat-Man e Venerdì 12. Attraverso i loro contributi il libro cerca di ricostruire i motivi per cui i suoi fumetti rappresentano non solo un successo commerciale ma anche una delle poche novità del panorama editoriale italiano. Sia il lettore occasionale, entusiasta della comicità di Rat-Man, sia quello più smaliziato, consapevole della perizia con cui Ortolani padroneggia i meccanismi della risata e dell' intreccio avranno modo di capire meglio il "dietro le quinte" del processo creativo e artistico di storie non semplicemente comiche ma anche dalla significativa struttura narrativa.

Utente 31856
51 posts

Re: Commenti alla missione 35: un saggio

LE VERITA' NASCOSTE di Paolo Mieli
Grandissimo divulgatore e storico, Mieli con la sua eccezionale capacità di rendere tutto semplice ed interessante, affascina il lettore su temi storici apparentemente molto noti ma con sfaccettature poco conosciute, tali da stimolarti nell'approfondire ulteriormente la conoscenza

1267 Messaggi in 223 Discussioni di 119 utenti

Attualmente online: Ci sono 29 utenti online