HOME » 60x365 reading challenge » Commenti

Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

252 Visite, 19 Messaggi

Re: Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

L’altra India: La tradizione razionalista e scettica alle radici della cultura indiana di Amartya K. Sen
Il premio Nobel per l'economia Amartya Sen ha scelto di parlare in questo libro del suo paese d'origine, l'India, partendo dalla lunga tradizione di eloquenza e argomentazione pubblica che contraddistingue il suo popolo. Una tradizione che ha influenzato la storia della letteratura, lo sviluppo delle scienze empiriche e della matematica, ma anche il pluralismo intellettuale e religioso che lo caratterizza. Comprendere questa peculiarità, sostiene Sen, è cruciale per l'India contemporanea, la più grande democrazia al mondo, un paese dalle fortissime disparità sociali che può diventare una delle nuove superpotenze del pianeta.

Re: Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

Maximum City: Bombay città degli eccessi di Suketu Mehta
Questa narrazione si muove in lungo e in largo per le strade di Bombay e ritrae la città attraverso le mille storie dei suoi abitanti, dai più famosi (compresi gangster e attori) alla gente comune. Mehta ricerca nella brutale Bombay di oggi quella che ha abbandonato vent'anni prima e la ritrova moltiplicata e smembrata. E a poco a poco mette a nudo i fili tesi tra gli attici scintillanti affacciati sull'oceano e il mare di baracche dove milioni di persone vivono una vita durissima.

Re: Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

India di Steve McCurry
"L'opera di Steve McCurry rimane indiscutibilmente originale: nessun altro avrebbe mai potuto produrre alcuno degli acclamati scatti presenti in questo libro, e il suo marchio inconfondibile caratterizza ogni immagine. Questa collezione è il testamento del suo antico amore per l'India, oltre a un impegno a registrarne l'eccezionale molteplicità. Rappresenta una genuina panoramica sul Paese, dalle tempeste di sabbia del Gran Deserto Indiano ai villaggi bengalesi alluvionati, dal Kashmir al Kerala. Il suo è un mondo di luce limpida, colori accecanti e ombre scurissime, in un'atmosfera tanto malinconica quanto gioiosa. Dalle imponenti folle del Kumbh al solitario taglialegna della foresta himalayana, qui c'è proprio tutta l'umanità indiana." (William Dalrymple)

La Pattuglia dei bambini - Deepa Anappara

Un romanzo ambientato in uno slum di una megalopoli indiana dove iniziano a scomparire i bambini nell'indifferenza della polizia e della società. Raccontato con gli occhi di alcuni bambini che cercano di indagare sulla scomparsa dei loro amici

Per me sconvolgente, non avevo idea delle condizioni miserrime in cui vive buona parte della popolazione. Mi ha molto colpito anche l'ambientazione climatica, uno smog perenne e persistente dove non si vede nulla neanche di giorno.
Consigliato.

https://webopac.csbno.net/opac/detail/view/csbno:catalog:619114

Utente 180
201 posts

Re: Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

21- La lunga strada per tornare a casa di Saroo Brierley
La vera storia di Saroo, che a cinque anni sale per sbaglio su un treno che lo porta a migliaia di chilometri da casa. È solo l’inizio della sua incredibile avventura che lo porterà dalla miseria e i pericoli di una delle città più popolose del mondo, Calcutta, fino in Australia e troverà un felice epilogo 25 anni dopo. Da questo libro è anche stato tratto un film, Lion. Bello quasi come il libro.
https://webopac.csbno.net/opac/detail/view/csbno:catalog:515542

Utente 8891
111 posts

Re: Commenti alla missione 21: un libro ambientato in India o di un autore nato in India

William Dalrymple. “Nove vite”. Pagg.330. Senza voto
Sarà che a me l’India non ha mai attirato, sarà anzi in verità che mi è sempre stata repulsiva (unico paese al mondo capace di suscitare in me questi sentimenti negativi), sarà che gli argomenti affrontati nel libro sono sì interessanti ma proprio lontani dal mio modo di vedere le cose (e dire che ho anche cercato di approcciarmi al buddismo): per tali motivi non mi sento di dare un voto, perché dovrebbe passare dallo zero assoluto personale al 10 e lode che darebbero coloro invece che amano l’India e vorrebbero conoscere meglio le tante sfaccettature del loro modo di pensare e di affrontare la vita dal punto di vista soprattutto religioso: in poche parole un’India spirituale, esoterica, mistica che, ahimè, non mi attizza assolutamente. Ammetto le mie manchevolezze, e per tale motivo assegno il libro alla serie “Non è pane per i miei denti”.

Utente 1286
53 posts

Re: Commenti alla missione 21: LEGGEREVOLARE un libro ambientato in India o di un autore nato in India

Sfida numero 21 un libro ambientato in India, ho scelto LA CACCIATRICE DI STORIE PERDUTE di Sejal Badani, non conoscevo nulla di questo libro ma devo dire che mi è piaciuto perchè la protagonista fa un viaggio in India alla ricerca delle sue origini e scopre una realtà molto particolare con usi e costumi molto diversi dai suoi e dai racconti di un servitore scopre la vita della sua nonna materna. Un libro al femminile che consiglio a tutti.

Utente 1286
53 posts

LEGGEREVOLARE accetto a sfida numero 39

Per un libro di una serie ho scelto Fiori di Maurizio De Giovanni, un episodio della celebre serie dei Bastardi di Pizzofalcone. Una certezza di lettura piacevole e mai noiosa che è perfetta per rilassarsi leggendo.

1646 Messaggi in 249 Discussioni di 126 utenti

Attualmente online: Ci sono 88 utenti online