Community » Forum » Recensioni

Copertina
4 1 0
CARR, John Dickson

Occhiali neri

Milano : Polillo, 2005

Abstract: Ansima, sbuffa, si percuote la fronte. Si soffia rumorosamente il naso, emette tremendi colpi di tosse; inciampa, geme, impreca anche, sia pur prendendosela con divinità pagane o comunque fuori servizio. Le sedie sulle quali appoggia il suo immenso posteriore sono tutte condannate a rapida morte per soffocamento, eppure questo omaccione dai grandi baffi da bandito e dagli occhiali a pince-nez è nientemeno che il più grande investigatore dilettante della letteratura gialla: il dottor Gideon Fell. Amante della birra e dei sigari, burbero ma pronto a sciogliersi di fronte a una ragazza in difficoltà o travolta dalle pene d'amore, Fell ha nei delitti commessi in camere chiuse dall'interno la sua grande specialità. Occhiali neri, decimo romanzo con il dottor Fell, non si sottrae alla regola del delitto impossibile: in questa storia, che curiosamente vede il suo incipit a Pompei, gli enigmi da risolvere sono due misteriosi avvelenamenti commessi in circostanze eccezionali. Il primo in una pasticceria, dove nessuno può aver avvelenato dei cioccolatini alla crema. Il secondo davanti a numerosi testimoni e addirittura all'obiettivo di una cinepresa che ha fedelmente registrato ogni cosa. Due delitti che sono destinati a rimanere senza spiegazione fino a quando il dottor Fell non riuscirà a dimostrare come una persona poteva trovarsi nello stesso istante in due luoghi diversi.

31 Visite, 1 Messaggi
Utente 7646
23 posts

Uno dei migliori "delitti impossibili" firmati da J. D. Carr. Personalmente ho qualche riserva sulla tempistica (la polizia impiega davvero troppo prima di sviluppare il filmato della cinepresa), per non parlare del fatto che l'assassin* tiene nel proprio armadio la prova cruciale che l* farà impiccare - uno svarione poco in linea con un ingegno così brillante. Infine, uno dei capitoli conclusivi si chiude con un goffo tentativo di depistaggio ai danni del lettore, che non ha alcuna ripercussione sulla trama a parte ritardare la spiegazione finale. A dispetto di questi dettagli, il romanzo rimane una prova di virtuosismo unica nel suo genere (si veda la lezione del Dr. Fell sul profilo psicologico degli avvelenatori). 4,5/5

  • «
  • 1
  • »

6508 Messaggi in 5390 Discussioni di 929 utenti

Attualmente online: Ci sono 43 utenti online