Community » Forum » Recensioni

Istruzioni per la manutenzione del parquet
2 1 0
Wiles, Will

Istruzioni per la manutenzione del parquet

Vicenza : Pozza, 2013

Abstract: Cosa ci vorrà mai a prendersi cura di un appartamento di lusso? Basta lasciar fare alla domestica, non giocherellare coi tasti del pianoforte a coda, non sfondare i divani in pelle nera, non sporcare le pareti color bianco ghiaccio e attenersi alle istruzioni. Sì, perché il padrone di casa Oskar, famoso compositore minimalista e poliglotta, amante del design e della semplicità che costa un occhio, impegnato a Los Angeles con gli avvocati della moglie sul piede di guerra, non solo ha affidato la sua elegante casa, situata in una città dell'Europa dell'Est, a un vecchio amico di università e aspirante scrittore, "inesorabilmente, illecitamente bloccato" al primo romanzo, ma gli ha lasciato anche biglietti, noticine e istruzioni per ogni situazione possibile. Tuttavia, quando l'ospite, dopo una serata trascorsa in un locale di lap dance in compagnia di una ragazza coi capelli color ambra e microscopica minigonna di pvc o lattice, torna a casa ubriaco e si accascia sul letto trascurando i gatti, quasi come si fosse innescata un'antica maledizione, tutto precipita verso la catastrofe: il prezioso parquet in quercia francese si macchia in una maniera orribile; uno dei due gatti tira le cuoia, stecchito sotto il peso del coperchio del pianoforte; la donna delle pulizie stramazza al suolo nella cucina tutta vetro e acciaio; e così via fino al sorprendente, inaspettato colpo di scena finale.

44 Visite, 1 Messaggi
Utente 46
224 posts

Ho letto questo romanzo qualche tempo fa: giacché risulta sempre disponibile, lasciato alla polvere degli scaffali delle biblioteche che lo hanno in custodia, credo sia cosa buona e giusta scrivere due righe (ma basterebbe un solo consiglio: "Leggetelo!").
Il romanzo si dipana seguendo le rocambolesche disavventure di un aspirante scrittore che lascia la sua stamberga londinese per l'appartamento elegantissimo del suo amico Oskar, un compositore di musica classica di successo, chiamato Oltreoceano per il disbrigo delle pratiche di divorzio dalla moglie. Il protagonista viene risucchiato in un vortice di eventi (raccontati con ironia e gusto dell'assurdo) di cui non riesce ad avere controllo, nonostante le meticolose istruzioni che il pedante e previdente amico gli lascia in ogni angolo della casa. Si ride spesso, girando le pagine di questo libro: il finale, però, vale un saggio di filosofia.
Lo consiglio vivamente (e non solo a chi abbia il parquet nella propria casa...)

  • «
  • 1
  • »

6270 Messaggi in 5176 Discussioni di 912 utenti

Attualmente online: Ci sono 28 utenti online