Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

R: L'apprendista geniale - Anna Dalton

Bello, bello, bello: scrittura sì semplice ma fluida, corretta, genuina ed anche istruttiva. Finalmente ho trovato un'altra bravissima scrittrice italiana che annovero tra le migliori in assoluto. Chapeaux alla Dalton!

Le pietre e il popolo - Tomaso Montanari

Interessante saggio di denuncia della progressiva mercificazione del patrimonio artistico e culturale italiano. Montanari fa in particolare riferimento alla Firenze del sindaco Renzi (il libro risale al 2013), e alla tormentata e infruttuosa ricerca dell'affresco della Battaglia di Anghiari di Leonardo, sponsorizzata nientemeno che dal National Geographic, contro il parere degli studiosi dell'Opificio delle Pietre Dure. Il circo mediatico si sarebbe poi risolto in un nulla di fatto. La responsabilità di questo sfacelo è in parte di una classe politica miope e culturalmente arretrata, che a sua volta però coltiva un elettorato composto da consumatori passivi, anzichè cittadini consapevoli, in un circolo vizioso che sembra purtroppo difficile spezzare. Pamphlet come questo sono più un termometro, che un'aspirina - ma il paziente deve anzitutto rendersi conto di essere malato.

La società degli animali estinti - Jeffrey Moore

Uno dei libri più sensibili e strazianti in merito a solitudine, amicizia e crudeltà sugli animali (ma anche sugli umani) che abbia letto nella mia vita. La scrittura è intelligente e fluida, con picchi dark notevoli e per contro un soggiacente umorismo.
Molto interessante il narratore interno al protagonista maschile, che fra l'altro è veramente unico nel suo genere-in quanto uomo sensibile, intelligente, coraggioso ma anche perso, forte e "rotto" allo stesso tempo-; una bella sfida al machismo e alla mascolinità tossica predominante in letteratura e nel cinema.
Assolutamente da leggere!

Superintelligenza - Nick Bostrom

Veramente interessante. Un pochino prolisso. Come testo universitario , da leggere. Insomma: bello ma "non si legge d'un fiato". Bisogna armarsi di santa pazienza e rimboccarsi le maniche e le meningi. Non sono riuscito a leggerlo tutto. ( non devo sostenere alcun esame e non me lo ha ordinato il medico ) . Al momento della restituzione un piccolo rimpianto di non averlo saputo apprezzare appieno. Ma ognuno ha le proprie priorità. Consigliato a chi STUDIA intelligenza artificiale. Non è "per tutti" , "divulgativo". Per chi lo apprezza, penso sia un libro da avere in libreria

Locke - un film di Steven Knight

Ivan Locke, capocantiere, è un uomo tutto d'un pezzo, coi piedi saldamente piantati per terra. Ha però commesso un errore, e nel giro di 80 minuti dovrà affrontarne le conseguenze, mentre la sua vita gli crolla intorno.

Ambientato quasi interamente nell'abitacolo di un'auto, Locke è un film drammatico senza tanti fronzoli, asciutto ed essenziale. Tom Hardy è perfetto nella parte di Locke, supportato più che validamente da un cast estremamente espressivo (tenendo conto che si tratta di voci all'altro capo del filo). Interessante anche il "Making of". 5/5

R: Norwegian Wood - Murakami Haruki

Romanzo di “formazione” in cui convivono tre tematiche: innanzitutto il tipico dilemma degli adolescenti, cioè il conflitto tra il desiderio di affermare la propria personalità e l’incertezza sulle scelte da compiere; in secondo luogo l’incomunicabilità e il conseguente isolamento nel mondo degli “altri”; in terzo luogo il classico dualismo freudiano tra pulsione di vita e pulsione di morte, tema quest’ultimo che alla fine risulta dominante e forse essere la vera ispirazione del libro. Libro scritto da un giapponese atipico fortemente influenzato dalla cultura occidentale, a partire dal titolo, cover di una canzone metafisica dei Beatles, dalla musica contemporanea inglese o americana, dalla letteratura occidentale, dal “giovane Holden” al “Grande Gatsby”. Pur essendo un’opera giovanile rimane forse l’opera migliore di Murakami.

R: I love shopping a Natale - Sophie Kinsella

A tre anni dall'ultimo I love shopping, decido di prenotarlo più per fedeltà a Becky che per entusiasmo. E poi mentre leggo , mi ritrovo a pensare che Becky mi era proprio mancata. Ritrovare la sua lingua tagliente ma anche la sua generosità. È proprio un bel personaggio , positivo, attorniata amici, genitori e marito tutti splendidi.
Questo capitolo mi è parso particolarmente riuscito.

Cercami - André Aciman

Il seguito di "chiamami col tuo nome" è stata una grossissima delusione, sia per il fatto che la storia di Oliver ed Elio viene affrontata solo nelle ultimissime pagine del libro (e per l'epilogo che vine dato loro), sia per tutto quello che viene raccontato nella prima metà del libro, ovvero: la storia d'amore del padre di Elio e di una ragazza che conosce su un treno. Non starò qui a scendere nei dettagli, ma questa prima parte (molto consistente, tra l'altro) è veramente inverosimile, oltre che trash. Peccato, perché Aciman comunque riesce a scrivere ancora dei passaggi emozionanti (nel secondo capitolo dedicato ad Elio), ma di questo libro non si sentiva il bisogno.

Albion - Bianca Marconero

Consigliato a tutti quelli che nei fantasy NON cercano battaglie epiche. Una bella lettura che parla anche di come combattere regole ingiuste e sottrarsi ad aspettative che non siano in linea con le proprie aspirazioni.