Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Re: 2 dicembre

Marlo Morgan "E venne chiamata due cuori"
La protagonista è una dottoressa americana specializzata in agopuntura che va in Australia e vive per quattro mesi con una tribù aborigena viaggiando nel deserto australiano e privandosi di tutto quello che ha. Viaggia a piedi nudi mangiando quello che la natura offre, compresi i vermi, sotto un sole implacabile e con poca acqua. Questa tribù con cui vive si chiama "Vera gente" e ogni membro ha una nome particolare che rispecchia le caratteristiche di ogni persona. Marlo impara tante cose e scopre un modo di vivere in armonia con la natura. Sotto alcuni aspetti mi è sembrato un po' inverosimile.

Enneagramma - Liz Carver & Josh Green

Chiaro, esaustivo, colorato, piacevole e utile. Inevitabile tentare di classificare amici e conoscenti in una delle nove categorie, la vera sfida è guardare oltre le limitazioni dell'incasellamento, per concepire la persona nella sua totalità. L'enneagramma costituisce comunque una buona mappa per orientarsi nel labirinto delle relazioni interpersonali.

Il guardiano del frutteto - Cormac McCarthy

Al suo romanzo d'esordio, McCarthy racconta la storia di un luogo, una valletta del Tennessee, attraverso le vicende di tre personaggi: un ragazzo in cerca dell'assassino di suo padre; un contrabbandiere di whiskey; e un vecchio solitario. Uomini e luoghi che si scontrano con l'arrivo della modernità, con esito facilmente prevedibile. E appunto la forza del libro sta nel ricreare l'atmosfera di un'epoca semi-leggendaria ormai al tramonto, più che nelle vicende dei personaggi in sé e per sé. La narrazione è infatti punteggiata da flashback (in corsivo nel testo), che, uniti alle frequenti digressioni paesaggistiche e a paragrafi in cui il soggetto deve essere dedotto dal contesto, spezzano il ritmo del racconto, e rendono la lettura piuttosto opaca, ripetitiva e faticosa (per dire, sembra che ogni dieci pagine qualcuno finisca a mollo nell'acqua). Bisogna attendere il suo secondo libro, Il buio fuori, per riconoscere lo stile che comunemente si associa all’autore. Consiglio dunque Il guardiano del frutteto solo a chi voglia completare la bibliografia di McCarthy. 3/5

Copertina - Daniel Pennac

lungo, noioso, confusionario.
Mi aspettavo di molto meglio, vista la notorietà del libro, invece mi ha profondamente deluso.
Probabilmente non è il mio genere

Un cuore nero inchiostro - Robert Galbraith

È il primo libro che leggo della Rowling.
Delusione totale
Il libro (di quasi 1200 pagine) è lentissimo, contorto, noiosissimo quando vengono trascritte pagine e pagine di chat fra fan di un gioco on line..per venire a capo di un omicidio.
Ho smesso dalla disperazione alla pagine 400 circa.